Bolzano scomparsa


Vai ai contenuti

Menu principale:


1869

Cronache del passato > 1865-1869

Prosegue la lettura della "Bozner Zeitung" che continua ad uscire con cadenza quotidiana (feste escluse). La notizia dell'anno: il 17 novembre si è aperto il canale di Suez. In settembre le scuole austriache riaprono con insegnanti laici al posto di religiosi. In dicembre a Roma si apre il Concilio. La "Bozner Zeitung" scrive (14 dicembre) che sono presenti a Roma 650 tra vescovi e sacerdoti al loro seguito, teste coronate e diplomatici. L'8 dicembre dalle 12 alle 13 tutte le 2.200 campane più grandi di Roma hanno suonato a stormo.

5/1/1869 E' stato aperto il "casino cittadino" ("Bürgercasino") che è stato allestito nei locali dell'albergo "Erzherzog Heinrich". Dispone di un grande salone e di un locale nel quale si sistemerà il biliardo. Vi trovano giornali e periodici d'ispirazione cattolica-conservatrice e anche d'ispirazione liberale (e questa, dalle parole del presidente dott. Offer, sembra essere prevalente). Si auspica che ora anche il gentil sesso frequenti il nuovo "casino", "per ravvivare, intrattenere ed abbellire la presenza maschile". Dopo i discorsi, s'è fatta musica.
Un'assemblea costituente ha dato vita all'"Arbeiterverein", in pratica un sindacato.
8/1/1869 Riprendono i concerti, nonostante le notevoli difficoltà economiche. I concertisti vengono pagati assai poco, ma questa è l'unica iniziativa volta ad elevare la conoscenza della musica (seria) in Bolzano.
A Bolzano si scaricano immondizie senza discernimento. Tra i portici e via Bottai se ne accumulano mucchi. Eppure potrebbero essere scaricate in una roggia che attraversa la piazza Santa Trinità (oggi piazza del Municipio) e prosegue lungo via Grappoli. E poi, non c'è alcuna illuminazione lungo la strada (oggi via Laurin) che dalla stazione porta alle vie Grappoli e Conciapelli.
9/1/1869 Nel rio Molino è annegato il 63enne finanziere Bixner. E' il terzo caso del genere che si verifica in zona, non essendo la strada sufficientemente illuminata.
12/1/1869 L'ufficio delle poste e telegrafi è pressoché al buio. Buio totale lungo le scale d'accesso. Si rischia di rimpersi il collo.
Le bambine che frequentano la scuola delle suore debbono restare a tremare di freddo all'aperto, davanti al portone chiuso, finché non suona la campanella e questo si apre. E' insopportabile.
13/1/1869 Ieri sarebbe stata vista volare nei pressi del Talvera una farfalla.
A Scena, nei pressi di Merano, una giovane coppia che non aveva ottenuto l'autorizzazione al matrimonio dal comune e dal governatorato, si è presentata d'improvviso davanti al parroco accompagnata da due testimoni. I due si sono dichiarati a gran voce marito e moglie (la cosa ricorda un episodio dei "Promessi Sposi", ndr.) e se ne sono poi andati. Un caso del genere era avvenuto a Rovereto un anno fa. "Questo matrimonio per la Chiesa è valido e allo Stato non resta che prenderne atto".
14/1/1869 La banda del reggimento di fanteria "Barone Kuhn" verrà ridotta a 24 elementi. Peccato!
15/1/1867 La riduzione dell'organico della banda è dovuto al fatto che il servizio di leva è stato ridotto da 8 anni a 3.
16/1/1869 Il giornale annuncia regolarmente il programma dei concerti che si tengono ogni sette giorni nell'odierna piazza Walther. Tra gli altri domenica prossima alle 11.30 figurano brani dalla "Traviata" di Verdi, dalla "Leonora" di Mercadante" e dall'"Ebreo" di Apolloni.
18/1/1869 "Tentativo di rapina di uno straccione italiano" sulla strada che da Gries sale a Colonia. Questi ha aggredito due donne minacciandole con un sasso, ma una delle due lo ha costretto alla ritirata brandendo un bastone.
L'episodio degli sposi (Jakob Prantl e Magdalena Kofler) che si sono dichiarati marito e moglie al cospetto del parroco Sellmont di Scena, divenendo così tali secondo il diritto canonico, e di conseguenza anche secondo il diritto civile, mette in agitazione gli uffici di stato civile del Tirolo. Di questo passo basterebbe avvicinare un parroco per la strada e dichiararsi marito e moglie, per ottenere lo scopo. I due novelli sposi sono braccianti e convivono.
Un iscritto all'"Arbeitsverein" di recente costituzione è stato licenziato dalla tipografia J.Wohlgemuth: essendo questa d'ispirazione clerical-conservatrice non riteneva compatibile che alle dipendenze lavorasse un tipografo di vocazione laica. Il tipografo C.H.Dünnhaupt scrive al giornale una lettera nella quale afferma che "la tipografia non subisce alcun danno se io tocco con le mie mani democratiche i caratteri clerical-cattolici".
20/1/1869 L'orologio del duomo anticipa il tempo di otto minuti e mezzo.
22/1/1869 Si svolgono a Bolzano i funerali di Ludwig von Comini-Sonnenburg. Ha introdotto in agricoltura l'uso dello zolfo per debellare la "Traubenkrankheit" (malattia dei vigneti, oidio) rendendosi così ampiamente meritevole. Sul giornale appare la sua biografia.
Il traffico sulla strada di Sarentino è stato ripristinato, dopo i crolli dovuti al maltempo.
27/1/1868 Sono 52 i presenti all'assemblea dell'"Arbeitsverein". Gli iscritti sono attualmente 95. Nella biblioteca vi sono 100 libri e vari giornali. Sono stati assegnati i vari incarichi. Sede di questo sindacato sarà la birreria "Krautner". L'"Arbeitsverein" è collegato con altre associazioni similari nel Tirolo.
28/1/1869 Muore a 30 anni il tenente Alfred Schwarz, appartenente alla guarnigione bolzanina. Tifo.
30/1/1869 E' carnevale ma si festeggia ben poco. Tre balli dei ginnasti e mercoledì prossimo un ballo nella birreria "Krautner". Nient'altro, per ora. E' stato cancellato il gran ballo nel ridotto del teatro.
3/2/1869 L'"Arbeiterverein" decide di versare ai propri associati ammalati un fiorino la settimana. L'iniziativa pare avvicinarsi ad un'assicurazione contro le malattie che impediscono la presenza sul luogo di lavoro.
5/2/1869 Nel 1868 sono morte a Bolzano 330 persone, delle quali 101 erano bambini ed adolescenti fino ai 14 anni d'età. I defunti più anziani, che avevano passato i 90 anni, sono stati solo due.
8/2/1869 Festa affollatissima dell'"Arbeiterverein" alla birreria "Kräuntner". I soci sono saliti a 160. Discorsi di contenuto sindacali e ballo.-
9/2/1869 Domenica di Carnevale, con maschere ed allegria.
15/2/1869 Il carnevale di Venezia attrae anche bolzanini, che vi si sono recati in treno. Peccato che ad Ala si sia consentito ad un pazzo, diretto al manicomio di Hall, di salire sul convoglio: la sua presenza ha disturbato i presenti. La direzione delle ferrovie preciserà in seguito che l'infermo di mente era salito a San Michele, e che la procedura per il suo trasporto era quella.
16/2/1869 L'attività teatrale al "Kaiserkrone" prosegue intensa, con una media di 4/5 recite la settimana. Vi si aggiunge stasera anche un lavoro cavalleresco ("Ritterspiel") in 4 atti, nella sala grande dell'hotel "Greif"; "Il principe Raul, detto Barbablu". Gli interpreti sono marionette alte tre piedi. Le recite proseguiranno con altri lavori nei giorni a venire.
Pubblicità per corse in diligenza sulla tratta Silandro-Bolzano. Si parte da Bolzano alle 4,30 per arrivare a Silandro alle 19.
17/2/1869 Un lungo articolo racconta la vicenda di un possidente dedito al vino, che a tarda sera viene accompagnato in stato di incoscienza fino davanti alla porta di casa sua, dove viene abbandonato. L'indomani la moglie lo trova, morto.
18/2/1869 Il dott. Peter Kuenzner, bolzanino ha aperto a Praga il suo studio legale. Conosce 18 lingue vive, e garantisce pertanto traduzioni da 16 lingue in tedesco e boemo.
A teatro "con grande orchestra" si recita l'operetta "La bella Galatea" di Suppè.
22/2/1869 La città difetta di edifici scolastici e si dovrà discutere di due progetti. Raggruppare tutti gli scolari in un solo edificio nuovo o suddividerli in costruzioni separate. L'articolista diffida della prima soluzione: tanti scolari ammassati l'uno vicino all'altro favoriscono il diffondersi di malattie.
23/2/1869 Lo scorrere delle rogge all'aperto, senza protezioni, presenta pericoli. Nella roggia che scorre vicino al mulino Rössler è annegato un finanziere.
Quando piove il ponte in legno che attraversa il Talvera si trasforma in un lago. "Basterebbe aprire dei fori nelle assi in modo che l'acqua defluisca nel torrente, perché è scritto che essa debba scorrere sotto, e non sopra il ponte".
25/2/1869 Appare un lungo articolo - che proseguirà nel giorno seguente - sulla fregata "Radetzky" saltata in aria nei pressi dell'isola di Lissa.
26/2/1869 Ha avuto luogo il terzo concerto di musica da camera. Continua intensa l'attività teatrale.
27/2/1869 Titolo: "Un nuovo Pitagora". Testo: "A Roma vive il dott. Hafele - così scrive il 'Tiroler Volksblatt' - che ha recentemente scoperto che 1.000 franchi in una scatola del valore di 5 franchi, valgono più di 500 franchi racchiusi in una scatola del valore di 500 franchi. (…) Se non ci sbagliamo il dott. Hafele è stato convocato a Roma per i lavori preparatori del prossimo concilio. Il suo soggiorno nella città dell'infallibilità ha già prodotto un frutto prezioso della sua genialità, e ci si possono attendere altri miracoli".
4/3/1869 Inserzione: "Un violino Amati è in vendita per 200 gulden in via Grappoli n° 332".
5/3/1869 Sale del 2,5 % il pedaggio per il legname che percorre la val d'Ega. La sbarra si trova a Cardano.
6/3/1869 Sulla tratta Bolzano-Ala il traffico passeggeri è maggiore che non sulla tratta Bolzano-Innsbruck. Pertanto all'arrivo a Bolzano da Ala, alcuni vagoni vengono sganciati.
10/3/1869 Circolano ancora monete di rame a suo tempo emesse per il regno Lombardo-Veneto, con diciture in italiano. Attenzione: sono fuori corso.
15/3/1869 Carl Theodor von Kleinschrod, consigliere segreto della Corona bavarese, commendatore al merito dell'Ordine della Corona reale bavarese e di San Michele, Cavaliere di seconda classe dell'imperialregio Ordine austriaco della Corona di ferro e dell'Ordine prussiano dell'Aquila rossa con stella, Commendatore di prima classe al merito dell'Ordine di Filippo il Magnanimo del Granducato d'Assia e dell'Ordine granducale militare e civile di Nassau Adolf von Nassau, Cavaliere dell'Ordine portoghese di Cristo e titolare della decorazione alla memoria per gli anni 1813 e 1814, è defunto il giorno 10 Gries".
16/3/1869 Ad una giovane donna ignara, in duomo, alcuni ragazzotti seduti dietro a lei e che fingevano di pregare devotamente, hanno tagliuzzato lo scialle.
18/3/1869 Un bambino di tre anni, figlio di un gendarme, cade in un canale privo di recinzione ed annega. Anche questo caso è avvenuto nel confinante comune di Dodiciville, che non fa nulla per mettere in sicurezza le sue rogge.
L'"Arbeiterverein" si è trasferito in piazza Domenicani, n° 447.
20/3/1869 Le tariffe dei biglietti ferroviari da Peri a Roma sono stati considerevolmente abbassati. Alle stazioni di Kufstein e Trento (perché non a Bolzano? Si chiede il giornale) vengono staccati biglietti di andata e ritorno da 60 fiorini e 50 per la prima classe, e 50 fiorini per la seconda classe. Hanno 40 giorni di validità. All'andata il viaggio avviene lungo la tratta Verona - Venezia - Bologna - Firenze - Roma. Al ritorno lungo la tratta Genova - Torino - Milano - Verona.
24/3/1869 Lungo la strada che porta dalla "Zollstange" (oggi piazza Dogana) alla stazione ferroviaria, un carro trainato da 4 cavalli imbizzarritisi perché trattati duramente dal carrettiere investe e ferisce gravemente una ragazza dii 16 anni. E' una strada che difetta di manutenzione, sulla quale transitano con destinazione stazione numerosi carri ed inoltre anche 12/14 diligenze al giorno. La strada è larga 12 piedi e dal comune di Dodiciville è notevolmente trascurata. Il suo fondo è disagevole, si formano laghi quando piove, non viene pulita, ed è illuminata da due soli lampioni e solamente di domenica.
Il prelato di Gries viene condannato al pagamento di 15 fiorini per guida pericolosa: un suo equipaggio aveva investito un conducente all'altezza della strettoia per Merano.
27/3/1869 Sull'incidente a Dodiciville quel comune precisa che il conducente del carro era ubriaco e che i quattro cavalli (trainavano un carro carico di pietre) non s'imbizzarrirono ma furono condotti inappropriatamente.
1/4/1869 In caso di bel tempo un'assemblea popolare avrò luogo oggi alle 13 nella Johannsplatz. Non si precisa perché.
Da Rovereto: nel Tirolo italiano l'insegnamento del tedesco nelle scuole non sarà più obbligatorio.
2/4/1869 Caroline Rubatscher vende bei cappelli di paglia per signora improntati alla moda parigina e viennese .Sotto i Portici 199.
5/4/1869 E' all'ospedale per tubercolosi il persiano Buutscharem Alchas, giudicato il 14 marzo per truffa, avendo raccolto denaro per la costruzione di una chiesa sul "monte Libano". La sua provenienza è misteriosa: affermava di essere cattolico ma pretendeva di essere confessato da un prete sposato, ammetteva che il complice fosse mussulmano. "Non sappiamo al momento dove possa essere sepolto".









Un'inserzione pubblicitaria sulla Bozner Zeitung

Il "Velocipede" (in italiano) si sta diffondendo ed ogni giorno si vedono ginnasti percorrere con questo veicolo le strade della città e dei dintorni. Recentemente sul ponte Talvera un tale "locomobile" si è sottratto al controllo dei suo cavaliere e lo ha disarcionato. Ieri un gruppetto di ciclisti hanno fatto una gita a Merano per stupire gli abitanti e gli ospiti di quella città con le loro prestazioni velocipedistiche ("velocipedrastischen Leistungen").
"Ieri pomeriggio l'obolo di San Pietro della città di Bolzano ha lasciato la sua terra andando in pellegrinaggio a Roma, nella forma di un mazzo di fiori alpestri secchi, appesantiti da uno Pfund di monete d'oro. Resterà là".
In marzo sulla tratta ferroviaria Peri-Kufstein hanno viaggiato 45.649 persone.
6/4/1869 "Il signor Wachtler ha coperto ieri la tratta Merano-Bolzano in velocipede in poco meno di tre ore, e per di più su strada in pessime condizioni".
In val di Pennes si sono ammalate di tifo 35 persone; sono morte in 17.
8/4/1869 Ultima recita della corrente stagione teatrale.
La locale guarnigione dovrebbe lasciare Bolzano e non essere rimpiazzata. I commercianti sono in apprensione, dal momento che si calcola che la una presenza militare di quella consistenza porti alla città annualmente da 100 a 200.000 fiorini.
9/4/1869 Per costruire due nuove tombe di famiglia nel cimitero si è scavato portando alla luce salme marcescenti, tra cui quella di una donna che indossava ancora i suoi vestiti. Odore insopportabile. L'ufficio igiene del Comune impone all'autorità religiosa di sospendere i lavori.
12/4/1869 Trecento persone sul Virgolo per una gita del "Turnverein" all'ombra della bandiera prussiana. Gare di salto in alto, in lungo e di "lancio della pietra".
Serata culturale all'"Arbeiterverein". S'è data lettura di una relazione tenuta all'"Arbeiterverein" di Lipsia nel luglio 1867 sul tema: "Trento e Trieste debbono restare tedesche o diventare italiane?"
16/4/1869 "Le piaghe delle nostra coltivazioni - maggiolini, oidio e bruchi - sono presenti in massa nell'Agruzzo e in altri posti. Ciononostante da Bolzano ad Ora non si vede nessuno che distrugga questi essere o cosparga le piante di zolfo. Il dar fuoco ai mortaretti, il raccogliere soldi per l'obolo di San Pietro e per l'acqua santa di Ignazio ecc. non giova a niente contro queste piaghe, ogni persona ragionevole se ne rende conto".
A Campodazzo un operaio è stato ucciso in un cantiere da una frana di sassi mentre si preparava la pipa per una fumata. Se si fosse reso conto in tempo del pericolo, con un po' più di attenzione, e non si fosse distratto dedicandosi all'opera così interessante come il caricarsi la pipa, impegno comune a lui ed altri, avrebbe ora salva la vita".
A Merano una nobildonna distribuisce gratuitamente copie dei Vangeli, con l'imprimatur della Chiesa. Il clero tuttavia si oppone e la denuncia per reati a mezzo stampa. La nobildonna viene condannata in prima istanza ed assolta in appello. Il caso verrò ora portato al tribunale di terza istanza (vedi notizia del 18/6/1869).
Si sono sparse voci su una possibile adesione dell'Ampezzo e della Badia all'Italia. Ora è il momento delle smentite.
19/4/1869 "I pellegrini tornano a casa da Roma utilizzando mezzi profani ma comodi come il treno e raccontano meraviglie sullo splendore di Roma e delle celebrazioni per i 50 anni di sacerdozio del papa, che sicuramente non giovano all'immagine di povertà del Santo Padre e dei cardinali e prelati romani. Cosa direbbe oggi un cristiano del tempo degli apostoli se avesse modo di assistere alla pompa che in questa occasione si accompagna ai riti in corso nella città del successore di San Pietro?"









Pio IX

Seguono al riguardo ragionamenti complessi sulla cabala che si è scatenata nel gioco del lotto sui numeri da giocare per i 50 anni del sacerdozio del Papa. Vi si apprende che Pio IX in Italia è considerato uno "jettatore" (in italiano nel testo).
20/4/1869 Narra il giornale di un padre francescano sceso dal treno con un pesante carico di libri. Un giovane d'origine sveva (Germania) gli dà una mano e lo accompagna fino al convento. Qui il prete riconoscente fa per donargli alcuni rosari, ma il giovane rifiuta cortesemente: è protestante, e dei rosari non saprebbe cosa farsene. Commenta il giornale: "Allora i protestanti non sono gente così cattiva, come vorrebbero farci credere i nostri fanatici!"
21/4/1869 I ciclisti ("Velocipèdes") dilagano, la gente non si meraviglia più a vederli. Tuttavia sarebbe opportuno che si tengano lontani dalla gente che passeggia, in particolare bambini e sordi, che non li sentono - questi ultimi - arrivare.
24/4/1869 La "Neue Frankfurter Presse" scrive che secondo il dott. Oppolzer i "Velocipèdes" provocano ipertrofie a tutti i muscoli e al cuore, e inoltre malattie cardiache ed aneurismi.
26/4/1869 Sesto ed ultimo concerto stagionale di musica da camera.
Assemblea del "Turnverein". Gli iscritti sono 128, contro i 163 dell'anno scorso. Lezioni di ginnastica particolari per 120 liceali, 80 studenti della "Normalschule", 11 frequentanti le magistrali, 16 "cadetti" e 17 ragazze.
30/4/1869 Ai Piani si esibisce il circo di Angelo Nava. Esibizioni equestri, ginniche, equilibristi sulla corda e pantomime.
4/5/1869 Lungo articolo sui festeggiamenti del primo maggio. Fiori, bande, spettacoli, passeggio, intrattenimenti per tutto il giorno in una giornata di sole.
5/5/1869 Nel boschetto di Aslago ha avuto luogo un duello alla sciabola tra un civile ed un militare. Il primo ha subìto una ferita alla fronte, il secondo un'altra ad un braccio. Di conseguenza i due si sono rappacificati ed è seguito un "diner" cui hanno preso parte tutte le persone coinvolte nell'episodio.
Antonio Donato da Bassano annuncia alla birreria Kräutner un concerto con l'armonium da lui stesso costruito.
8/5/1859 La cattura degli uccelli è proibita, ma in molti la praticano ugualmente indisturbati. Un commerciante di Innsbruck recentemente ne ha catturati 90.
A Cles è stata trovata una antica tavola di rame con una scritta romana. NOTA: si tratta della "tabula clesiana" che riporta l'editto col quale si riconosceva la cittadinanza romana al popolo degli Anauni. Una copia della tabula appare oggi murata sull'esterno del municipio di Cles.









La "tabula clesiana"

Si annunciano per i prossimi giorni nella sala del "Gesellenverein" (Associazione degli apprendisti) alcune rappresentazioni della Passione "fedeli alla Passione di Oberammergau in Baviera". Trenta gli interpreti.
14/5/1869 Festa a Gries per i 50 anni di sacerdozio dell'abate Adalbert Regli. A sera fuochi pirotecnici.
Il consiglio comunale decide di elevare di un piano la "Knabenschule" (scuola maschile) aggiungendo un terzo piano. NOTA: La costruzione diventerà scuola femminile ("Mädchenschule"), poi "Stadthotel", ed è oggi "Hotel Città". Ma per la sopraelevazione ci vorranno ancora anni.
12/5/1869 Il 10 maggio si è tenuto in duomo un rito religioso in memoria dell'arciduca Giovanni. La sua salma, che riposava a Graz dal 1859, è stata traslata a Scena, sopra Merano, ove ora si trova, entro un mausoleo neogotico appositamente eretto. La consorte dell'arciduca, che lì riposa, era la contessa di Merano Anna Polter. L'arciduca Giovanni ha dato a suo tempo il suo nome alla bolzanina piazza Walther, allora Johannsplatz.
14/5/1869 si apre a Gries un ufficio postale.
18/5/1869 Viene arrestato in stazione, nonostante un tentativo di fuga, un ladro di orologi. Ne aveva con sé un buon numero.
20/5/1869 Scossa di terremoto in val Gardena.
21/5/1869 La guarnigione di Bolzano è diminuita di consistenza. Un battaglione è stato trasferito a Trento. Si ritiene che lascerà Bolzano anche il Comando. Restano due compagnie più la banda, ma quest'ultima solo fino al giorno 5. I commercianti si lamentano.
Disordini a Silandro. In chiesa il decano predica contro la nuova legge sulla scuola, vista con ostilità dai cattolici fanatici perché toglie il monopolio dell'istruzione ai preti. Il commissario conte Mansano gli toglie la parola, la folla tumultua e si scaglia contro il pubblico ufficiale che viene salvato a stento.
28/5/1869 Si è svolta la processione del Corpus Domini. Questa la composizione del corteo:
1) La gioventù scolastica con le bandiere;
2) Le associazioni degli artigiani;
3) Le confraternite;
4) Il ginnasio;
5) Una compagnia del reggimento "Barone Kuhn" con banda;
6) I preti conventuali;
7) I consiglieri comunali;
8) L'imperialregio tribunale circondariale;
9) Il coro parrocchiale con la banda civica;
10) I reverendi sacerdoti della parrocchia con i canonici;
11) Il prevosto con il Santissimo sotto il baldacchino sorretto da sei nobili;
12) Il capitano del circondario con alcuni componenti della giunta comunale;
13) Una compagnia di militari e poi la gran folla dei fedeli.
Ognuna delle quattro volte durante le quali si sono letti i vangeli, i militari hanno sparato una salva di fucileria. "Il numero e i tempi degli scoppi dei mortaretti sul Virgolo non superò le norme prescritte".
31/5/1869 La banda militare ha lasciato Bolzano e si è trasferita a Trento.
1/6/1869 Allarme nottetempo in città per l'improvviso suono di una campana del duomo. I militari della guarnigione accorrono alla ricerca dell'incendio. Ma era solo un "Wetterläuten": si suonava la campana nel timore di un avvicinarsi della grandine.
2/6/1869 Durante il rosario del mese di maggio le tante candele accese sull'altare gli danno fuoco. Il curato don Lanser lascia "stoicamente" che le fiamme avanzino e solo a rosario concluso dà il via allo spegnimento. Ma l'altare nel frattempo è stato distrutto.
3/6/1869 Quando di notte gli animali dello zoo ambulante in piazza Domenicani iniziano a ruggire, nitrire, ululare, bramire e quant'altro, inducendo i cani del vicinato ad unirsi al coro, i cittadini si svegliano indispettiti.
4/6/869 Nel mese di maggio sono transitati sulla linea ferroviaria tra Kufstein e Peri 63.349 viaggiatori.
7/6/1869 Soprabolzano è ambita come centro turistico estivo, ma fino a poco tempo fa non v'era alcun albergo e nessuna camera da affittare. Ad un contadino del luogo è venuta l'idea di costruire una casa con stanze da mettere a disposizione dei villeggianti, ed ora - mentre i lavori non sono ancora ultimati - un comitato bolzanino ha già preso in affitto l'intero edificio.
Le ferrovie hanno inserito Bolzano in un tour turistico, per cui c'è da attendersi un aumento dei visitatori per la prossima estate.
10/6/1869 Ha avuto luogo l'esame finale delle giovani ginnaste che hanno frequentato la palestra della Fleischgasse (via Museo). Le iscritte al corso sono state 30, ma solo 12 si sono presentate al saggio. Hanno assistito "zalreiche Damen" (numerose signore). Evidentemente non è stato ammesso il pubblico maschile. "Gli esercizi hanno convinto sicuramente i presenti che, nella stretta osservanza della decenza, questi sono perfettamente in grado di sviluppare e rafforzare le giovani".
Il 30 maggio a Rovereto il maltempo ha provocato danni. Secondo il "Tiroler Volksblatt" (cattolico) si è trattato di una punizione divina dopo che mani ignote avevano scritto sui muri "abbasso la processione" (in italiano nel testo).
12/6/1869 Monsignor Thaler, nella qualità di commissario vescovile, intraprende un giro diesami di religione nelle scuole elementari. Ci sono dubbi sulla loro liceità: potrebbero trovare ostacoli presso l'autorità costituita.
14/6/1869 L'arciduca Ranieri, con consorte, reduce da un'ispezione in Venosta è giunto a Bolzano. Ha effettuato col suo seguito una cavalcata sul Renon ed ora si fermerà una decina di giorni avendo in programma gite sul Corno del Renon, sullo Sciliar e sull'Alpe di Siusi.
Giunge notizia che l'arciduca Enrico sia stato riabilitato dal Kaiser. Potrà rientrare dall'esilio a Bolzano. La sua consorte, la borghese Leopoldine Hoffmann, sarà elevata a rango nobiliare.
Rissa a Prato Isarco. In campo 60/70 "combattenti". Sono contadini tedeschi ed operai italiani. Questi ultimi hanno perso.
16/6/1869 Smentita: l'arciduca Enrico non è stato ancora riabilitato.
17/6/1869 Esami finali nelle scuole. La curia arcivescovile proibisce ai catechisti di prendervi parte (le interrogazioni di religione debbono dipendere unicamente dalla curia, non dall'autorità scolastica laica).
La contessa Stenbock, da Liefland, è stata riconosciuta colpevole d'aver distribuito a Merano stampe non autorizzate, ossia libri luterani (vd. notizia del 16/4/1869).
21/6/1869 "Un singolare corteo è sfilato ieri pomeriggio per le strade della nostra città. Un'orda di zingari con otto orsi è stata scortata da due gendarmi e due uomini del "servizio meranese" con baionette innestate fino al locale carcere.
Entrano in circolazione le carte postali.
24/6/1869 E' giunta a Bolzano col treno proveniente dall'Italia la salma dell'arciduca Giovanni, destinata al mausoleo di Scena. Alla stazione, cui si poteva accedere solo con inviti, erano presenti le autorità . Dal Virgolo i mortaretti hanno fatto sentire la loro voce in anticipo, perché per un errore hanno salutato l'arrivo di un… treno merci.
25/6/1869 Il capitolo del duomo ("Kirchervorstehung") ha deciso l'acquisto per il campanile di un nuovo orologio che garantisca di indicare l'ora esatta. Lo realizzerà un esperto del mestiere , Wendelin Jäger, al prezzo di 700 fiorini.
26/6/1869 Si è costituito a Monaco l'"Alpenverein", un'associazione che si rivolge a tutti gli appassionati della montagna che siano germanici e dell'Austria tedesca. I referenti a Bolzano sono A.Wachtler e il dott. Von Zallinger.
1/7/1869 Aumenta il prezzo della carne. I buoi - scrive il giornale - saranno orgogliosi di valere 30 corone in più per ogni Pfund.
3/7/1869 Gli studenti del ginnasio (Padri Francescani) sono stati nell'anno scolastico 1868/1869 252. Si sono svolti anche corsi di inglese ed arabo.
5/7/1869 L'inizio di un articolo di cronaca suona così: "Il funerale della contessa di Sarentino si è svolto sabato pomeriggio con tutta la pompa che la Chiesa riserva ai grandi e ricchi di questa terra".
7/7/1869 Per due volte negli ultimi giorni in occasione di funerali di notevole richiamo la bare non sono potute essere inserite negli appositi loculi perché le dimensioni di questi ultimi erano insufficienti. Si creano situazioni spiacevoli, alle quali bisognerebbe porre rimedio in precedenza. E' il caso, evidentemente, anche del funerale "pomposo" della contessa di Sarentino.
9/7/1869 Oltre 1.000 immagini da tutte le parti del mondo vengono esposte al signor L.Veltée di Parigi nella Johannsplatz. Il tutto nel baraccone di una mostra itinerante illuminato da 100 fiamme gas.
10/7/1876 L'afflusso di turisti ai Bagni di Brennero ("Brennerbad") è considerevolmente aumentato dopo che la ferrovia vi ha stabilito una fermata.
12/7/1869 Nuovo problema al cimitero. Arriva un corteo funebre (la salma è del Landesschütze Anton Kieser) con seguito di Schützen e militari. Il corteo è preceduto Da uno Schütze che regge un crocifisso. All'ingresso del cimitero gli si fa incontro un cooperatore che gli impone di togliersi il cappello. Lo Schütze si rifiuta. Discussione, finché un inserviente si porta alle spalle dello Schütze e non gli toglie il cappello d'autorità. Più tardi la discussione riprende in parrocchia. La risposta del prevosto è: qui comandiamo noi.
(Una notizia da Vienna: all'età di 92 anni è morto Stefan Nemeth, il boia. Aveva sposato una condannata cui era pervenuta la grazia quando già si trovava sul patibolo. Aveva giustiziato in 42 anni 111 condannati).
16/7/1869 Alla confluenza tra Isarco ed Adige si recupera la salma di un uomo di circa 60 anni. Si accerterà che si tratta del cappellano di Bressanone.
20/7/1869 A Cortaccia un bambino gioca con i fiammiferi: ne scaturisce un incendio che brucia nove case. Rettifica due giorni dopo: si tratta di una sola casa, abitata da 9 proprietari.
30/7/1869 Si annuncia allo 'Schgraffer' un'orchestrina femminile viennese.
2/8/1869 La nostra stagione concertistica è caduta proprio in pieno periodo canicolare. Che caldo! Chi ,ai se ne sta in città, se proprio non vi è obbligato? Sabato sera, quando uffici e negozi si sono chiusi, per scuotersi di dosso la polvere di una settimana nella fresca aria di montagna gran traffico nelle strade e nelle piazze, per correre a Soprabolzano, sul Renon, al Colle e a Campegno? No: per correre nel giardino dell'hotel 'Schgraffer"'… Lì si svolge infatti l'avvenimento musicale più atteso: si esibisce un'orchestrina di donne. "Il caffè 'Schgraffer' è diventato un café chantant. Sembra d'essere agli Champs Elysées, con le loro lunghe file di donne biancovestite".
4/8/1869 Si affitta un laboratorio fotografico in buona posizione.
5/8/1869 L'orchestrina femminile viene invitata sul Renon, ma la trasferta non è possibile. La strada d'accesso è difficile e tormentata ed è difficile trasportarvi gli strumenti.
6/8/1896 Tra Kufstein e Peri la ferrovia ha trasportato in luglio 67.769 passeggeri.
Si è iniziato un servizio postale tra Oris (Lasa) e i Bagni di Bormio. La diligenza effettua il percorso superando lo Stelvio in 12 ore.
11/8/1869 Nella notte tra lunedì e martedì per mezz'ora la città è stata tenuta sveglia da continui scoppi. Ironicamente il redattore scrive che si è temuto che il "Trentino" (in italiano, ndr) stesse conquistando Bolzano per regalarla all'Italia. Ma si è trattato solo di festeggiamenti inopportuni per un matrimonio a Rencio.
19/8/1869 Compleanno del Kaiser con scoppio di mortaretti sul Virgolo e sveglia della città da parte della banda civica, che sfila per le strade. Solenne messa in duomo, a sera corteo illuminato da 80 lanterne e più tardi pioggia a catinelle.
"Moda clericale". Il giornale ironizza sul fatto che dal Vaticano sia giunta ai "signori canonici" la prescrizione d'indossare mantelline di colore "paonazzo" (in italiano, ndr). La notizia desterebbe sensazione nel "mondo femminile".
20/8/1869 Un titolo in prima pagina: "I vescovi tirolesi sono più papalini del Papa".
Le lezioni nelle principali scuole cittadine riprenderanno il 9 settembre. L'insegnamento è obbligatorio fino a 14 anni.
21/8/1869 Lungo la linea ferroviaria, a Campodazzo, cade una frana che uccide un operaio al lavoro.
24/8/1869 L'orologio del duomo ha ripreso a funzionare a modo suo ed è in ritardo di un quarto d'ora rispetto all'orologio della stazione. "La negligenza degli individui che hanno in carico l'efficienza dell'orologio del duomo è imperdonabile".
25/8/1869 Nove case e cinque fienili sono bruciati ad Oris (Venosta).
27/8/1869 A Bolzano si è giunti alla costituzione di una sezione del "Deutscher Alpenverein". L'iscrizione costa 3 fiorini. Il turismo di montagna è in forte crescita, grazie all'entrata in funzione (1866) della ferrovia.
31/8/1869 Nelle ore della sera Bolzano è invasa da sciami d'insetti che s'addensano attorno alle fonti di luce ed entrano nei locali illuminati. Si tratta della tettigonia viridis, della famiglia delle cicale, ma più piccola.
6/9/1869 Vienna. I "velocipedisti" nelle ore di buio debbono dotare i loro veicoli di luci, per essere visibili, e inoltre - anche di giorno - di trombette.
13/9/1869 Il lungotalvera è luogo di vandalismi. Ci si sono accampati con cavallo ed asino degli zingari che andandosene hanno abbandonato di tutto, insozzando.
14/9/1869 Ieri s'è aperto l'anno scolastico della nuova Bürgerschule (dai 6 ai 14 anni). E' al suo primo anno di vita secondo la nuova legislazione scolastica. Messa in duomo, poi gli scolari sono convenuti nella grande sala della scuola, decorata per l'occasione, dove il sindaco ha tenuto un discorso, che il giornale riporta parola per parola.
15/9/1869 Il giornale torna sull'inaugurazione dell'anno scolastico. Le classi, sottratte all'insegnamento dei religiosi, vengono affidate ora a insegnanti laici "che sono del tutto in sintonia con la crescita dei tempi". I genitori debbono collaborare con i loro figli, mano nella mano, così non mancheranno di allevare per il futuro cittadini onesti.
20/9/1869 Due treni speciali trasportano a Bolzano 800 naturalisti convenuti a Innsbruck per il loro 34° raduno. Accoglienze festose anche nel passaggio a Bressanone.
21/9/1869 Si annuncia un "Vergnügungszug" da Bolzano a Monaco per l'Oktoberfest, mostre d'arte, musei ed altro. Partenza il due ottobre. Escursioni a Possenhofen e Starnberg. Prezzi: in seconda classe fiorini 15, in terza fiorini 11. Partenza da Bolzano alle 1,10 del 2. Rientro volontà fino al 14 ottobre.
24/9/1869 Il 1° ottobre riprendono le lezioni del "Musikverein" Riprendono anche le lezioni di ginnastica per ragazzi e ragazze.
28/9/1869 (L'ammiraglio concede ai marinai di farsi crescere la barba)
30/9/1869 Nel salone del palazzo mercantile si tiene il primo concerto autunnale. Il violinista Joseph Anzoletti e la cantante Rosa Lutzs saranno accompagnati da un'orchestra.
5/10/1869 Processione domenicale nella Johannsplatz. Un gonfalone, di dimensioni eccessive, cade rovinosamente senza colpire fortunatamente nessuno. Colpa del vino bevuto dal suo robusto portatore. Comunque, c'è un punto nel quale cessa la coscienza cattolica e deve subentrare la polizia.
14/10/1869 Il "Casino comunale" ("Bürger-Casino") ha operato cambiamenti nel suo statuto. Il giornale commenta: "Con questa riforma il Bürger-Casino si trasforma in un'associazione liberal-cattolica".
21/10/1869 Curiosità per una compagnia di cinesi giunti a Bolzano dal "Celeste Impero" per alcuni spettacoli. Sono cinesi veri, con tanto di codino. Si chiamano Sam Ang e Arr Zang, con signora e seguito. Viaggiano sotto la protezione dell'imperatore della Cina e "hanno dato spettacoli a Parigi, Londra, Pietroburgo, Vienna e Berlino, così come a tutte le corti imperiali e reali". C'è anche il "noto atleta Charles Raabe", nonché i ginnasti Piquet e Georgi. "Questa compagnia darà due spettacoli in teatro".
22/10/1869 Successo della compagnia dei cinesi, che propongono numeri decisamente nuovi.
Pubblicità: Johann Renzi vende lanterne e lampade a petrolio, mentre da Dolo Scipione Maupoil scrive: "Avvicinandosi la stagione opportuna per le piantagioni e spedizioni d'ogni sorta di vegetabili, la suddetta ditta si fa dovere di rendere noto che trovasi riccamente provveduta in ogni articolo, ed a prezzi ridotti al più basso limite possibile. Il Catalogo delle piante verrà spedito franco dietro domanda".
29/10/1869 La principessa Maria Antonietta, granduchessa di Toscana, è giunta con seguito a Gries ove svernerà.
2/11/1869 Papa Pio IX scrive al sacerdote Anton Oberkofler da San Genesio, redattore del giornale cattolico "Tiroler Volksblatt", per compiacersi e ringraziarlo di un'acrostico in versi" che l'Oberkofler gli ha scritto e inviato, insieme all'obolo di San Pietro. Si compiace anche della sua attività di giornalista.
I soci dell'associazione dei tirolesi ed abitanti del Vorarlberg a Vienna sono saliti da 83 a 96. Loro compito è quello di offrire aiuto ai loro conterranei in trasferta a Vienna per le loro incombenze. Essi inoltre inviano - non richiesti - denaro ai conterranei del Sudtirolo in casi di necessità, come in occasione delle recenti inondazioni. Vivace l'attività di intrattenimento.
La signorina Maria Kliebenschädl da Innsbruck canta e suona il violino nella birreria Kräntner.
Tiro alle oche ed alle anitre con fucile a capsule a Gries, per tre giorni. I premi consistono in 50 esemplari di oche e anatre.
5/11/1869 Al mercato del 3 novembre a Bolzano sono stati offerti in vendita 1.200 animali di grossa taglia e 1.500 di taglia piccola. Prezzi alti, anche se gli acquirenti italiani sono stati poco numerosi. Vendute pressoché tutte lepecore.
In ottobre i passeggeri sulla linea ferroviaria tra Kufstein e Peri sono stati 71.855, con una media di 2.318 passeggeri al giorno.
6/11/1869 Ancora fatti di sangue. Un operaio boemo ha inferto una coltellata nel ventre ad un italiano. "Altro non ci è dato di sapere".
Il giornale elenca morti e feriti austro-ungarici in conseguenza della sommossa in Dalmazia.
9/11/1869 Il giornale è stato di nuovo recapitato in modo discontinuo. Per alcuni abbonati è giunto in ritardo, per altri in orario. Il fatto è che alcuni distributori - meglio detto distributrici - hanno anteposto al loro dovere la partecipazione ad una processione.
12/1/1869 Il consiglio comunale ha deciso una nuova numerazione per le case. Ogni strada incomincerà con il numero 1 a destra. Seguiranno tutti gli altri numeri dispari, mentre a sinistra si comincerà con il 2 e seguiranno tutti gli altri numeri pari. Si apporranno targhe col numero della strada ad ogni angolo, ed accanto al numero progressivo delle case sarà scritto in piccolo anche il nume della rispettiva strada. Il tutto a imitazione di come si fa a Vienna.
13/11/1869 Il principe Napoleone, proveniente da San Rossore dove si trova ammalato suo suocero, è arrivato a Bolzano ed ha pernottato al "Kaiserkrone". L'indomani mattina si è recato in abito da passeggio ed a piedi in stazione, per proseguire il suo viaggio verso Innsbruck, e "i passanti non si resero conto che stavano incrociando un pretendente al trono di Francia".
Musiche e poesa alla birreria "Kräutner" ad iniziativa dell'"Arbeiterverein".
15/11/1869 Si è eletto il diretti o della neo-costituita sezione bolzanina dell'"Alpenverein". Ne è presidente Albert Wachtler.La somma annuale da versarsi alla sede centrale è di due talleri, invece un fiorino per la sezione di Bolzano. Gli iscritti sono ora 29.
Da quando i clericali hanno lasciato il "Bärgercasino" l'attività di questo ha potuto riprendere serenamente, senza condizionamenti politici.
17/11/1869 Nella birreria Kräutner dà concerto l'orchestra dell'azienda di cura di Merano. Ingresso. 2 corone.









l'inaugurazione del canale di Suez

20/11/1869 Domani, con inizio alle 11, al poligono di tiro si potrà sparare dalla distanza di 400 passi con il nuovo fucile da guerra. Ci saranno proiettili in quantità sufficiente. Si arguisce che si trattasse di fucili a retrocarica.
Pubblicità: la "città di Venezia" pubblicizza in tedesco ed in italiano una "sottoscrizione pubblica", per la vendita di proprie obbligazioni. Il bando è intitolato "Prestito a Premj".
22/11/1869 Fuoco nella cantina di una farmacia sotto i portici. A contatto con l'aria del fosforo inizia a bruciare. Nella cantina c'era però anche dello "spirito" (alcol?) che avrebbe potuto incendiarsi a sua volta accrescendo il pericolo per chi osasse avventurarsi nel sotterraneo. Si è preferito quindi lasciare che le fiamme del fosforo si estinguessero da sole. Valido… l'apporto dei pompieri-ginnasti (i pompieri erano reclutati tra i ginnasti).
23/11/1869 Un articolo ironico dice che la sera precedente e quella stessa mattina, sul presto, esplosioni improvvise e razzi in cielo hanno fatto temere un'invasione di pirati morlacchi. Nulla di tutto questo: si trattava solo dei festeggiamenti per la nuova chiesa costruita in Villa e dedicata al beato Enrico da Bolzano, l'unico santo della nostra città, cui si rivolgono i suoi odierni epigoni bolzanini, che non riescono però a rinnovarne l'esempio. Per l'occasione sono convenuti tre vescovi: quelli di Seckau, Bressanone e Trento. "Ma noi non siamo stati invitati alla cerimonia e pertanto non siamo in grado di riferirne alcunché".
24/11/1869 Il ministro del commercio ha autorizzato il comune di Ampezzo a realizzare una ferrovia a trazione equina da Dobbiaco a Cortina.
26/11/1869 I conduttori di carri non cessano di far schioccare rumorosamente le loro fruste, anche entro le mura cittadine, provocando soprassalti e fastidio. Roba da far "resuscitare i morti". E la polizia non interviene!
Si cercano co-lettori per il giornale italiano "L'Opinione".
29/11/1869 Per la prossima estate è annunciata l'apertura di un ufficio postale sul Renon. Ne beneficeranno finalmente anche i numerosi villeggianti.
Un fabbro di Gries incaricato di certi lavori presso un contadino abitante sulla sovrastante montagna, nel rientrare a sera a casa cade da un dirupo e muore. Lascia la moglie e tre figli da due a sei anni.
1/12/1869 In piazza Domenicani si potrà vedere, a pagamento, una testa che mangia, beve, fuma e parla. Si tratta ovviamente di un espediente illusionistico.

6/12/1869 In novembre la ferrovia ha trasportato tra Kufstein e Peri 52.313 persone.
Il proprietario di un noto ristorante di Merano ha tagliato la corda con sua moglie, lasciando alle spalle debiti per 3.000 fiorini. E' originario del Württenberg.
7/7/1869 Il giornale invita all'abbonamento per il 1870. Il suo motto è: "Libera Chiesa in libero Stato".
14/12/1869 Sotto il titolo "Una storiella in Tirolo" il giornale scrive che, come già avviene per la "Neue Freie Presse", ci sono sacerdoti che negano l'assoluzione a lettori della "Bozner Zeitung".
16/12/1869 La diatriba per la laicizzazione dell'insegnamento nelle scuole prosegue. Ad Innsbruck il reverendo prof. Moriggl è stato licenziato senza assegni per il suo atteggiamento antigovernativo di fondamentalista cattolico.
17/12/1869 A Caldaro il consiglio comunale ha preso posizione contro il precedente provvedimento, conferendo oltretutto al prof. Montiggl la cittadinanza onoraria. Contemporaneamente s'è espresso contro gli atteggiamenti della "Bozner Zeitung", giudicati irridenti nei confronti dell'insegnamento cristiano. Il giornale risponde al "gran consiglio" e al "grande inquisitore" di Caldaro rilevando che i caldaresi hanno preso posizione contro il governatorato e quindi contro il Kaiser. Il loro atteggiamento è quello di "farisei non cristiani". La "Bozner Zeitung" si dice depositaria dei valori dello Stato moderno contro le agitazioni clericali.
23/7/1869 Nei pressi di Caldaro viene rinvenuta la salma semicarbonizzata di un uomo in precedenza accoltellato. Nei pressi i resti di un banchetto: ignoti si sono cibati di una pecora e hanno bevuto del vino.
24/12/1869 La salma carbonizzata sarebbe stata identificata di "un certo Morandell", pregiudicato e capo di una banda criminale responsabile del furto della pecora e del vino. A quanto pare durante il "banchetto" della banda sarebbe sorta una lite, a conclusione della quale il Morandell sarebbe stato ucciso.
Pubblicità natalizia. J.A.Thaler nel suo negozio vende "bondole, codeghini, zampini,mortadelle" e inoltre "Neapolitanische Maccaroni".
31/12/1869 Il granduca di Toscana Ferdinando è ospite a Gries di villa Aufschnaider, in visita a sua figlia, principessina Maria Antonietta.
Grandi feste aa birreria "Kräuntner" per il"Turnverein" prima e per il "Bürgercasino" poi. Eleganza, folla e buonumore.

Home Page | Biografia | Contenuto del sito | Cronache del passato | Personaggi 1 | Personaggi 2 | Persone | Gallerie fotografiche | Bibliografia | Fonti fotografiche | I miei libri | Sponsor | Storie di sponsor | Contatti | Privacy Policy | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu