Bolzano scomparsa


Vai ai contenuti

Menu principale:


1874

Cronache del passato > 1870-1874

Continuiamo a sfogliare il "Tiroler Volksblatt", giornale cattolico che si stampa a Bolzano. Fondato nel 1861 usciva il mercoledì e il sabato. Diverrà quotidiano nel 1901. Chiuderà nel 1926. Redazione in piazza Domenicani.


In aprile nuove scosse di terremoto nel Bellunese. A Bengasi in giugno-luglio dilaga la peste. E' interessante il confronto tra la consistenza dei maggiori eserciti d'Europa, resa nota dalla "Bozner Zeitung" il 16/9/1874: Austria 897.000 uomini, Germania 1.157.000, Russia 1.197.000, Francia 1.629.000, Italia 750.000, Gran Bretagna 224.000, Turchia 177.000. Sono cifre assai superiori di quelle che si riscontrano oggi. In ottobre terremoto a Bologna e Forlì con danni alle case; nessun morto. In dicembre scossa di terremoto ad Innsbruck; è definita "forte".
(T.V. 3/1/1874) Quattrocento persone in condizioni miserevoli scendono dalle valli per raggiungere Trento e poi emigrare in Brasile. Un toccante spettacolo di povertà. Il cronista accenna ad una famiglia con sei figli, uno dei quali poppante.
S'è reso libero il posto di medico condotto per Aldino. Stipendio mensile 200 fiorini, comoda abitazione parzialmente arredata disponibile, rifornimento gratuito della legna Per una visita di giorno il compenso sarà di 30 corone, di notte 50, stessa somma per una constatazione di morte. Il medico deve gestire anche la farmacia.
(T.V. 10/1/1874) Altre (?) 171 persone sono in attesa a Trento per partire alla volta del Brasile. Il giornale sospetta che non tutto sia chiaro e afferma che il futuro per questa gente non sarà facile, come viene loro prospettato.
Funerale civile a Merano per un ospite che aveva rifiutato ogni assistenza religiosa.
(T.V.17/1/1874) A Cortina d'Ampezzo (che rientrava nei confini del Tirolo) un incendio distrugge quattro edifici. Un morto.
(T.V.21/1/1874) Il Governatore mette sull'avviso quanti vogliono emigrare in Brasile, che facendolo si va incontro a "sicuri disagi". Così afferma l'ambasciatore austriaco a Rio de Janeiro.
Un convoglio ferroviario proveniente da sud investe e uccide un contadino nei pressi di Bolzano. Assai grave una donna che lo accompagnava.
(T.V.31/1/1874) Il dott. Dantscher, professore di anatomia, precisa da Innsbruck che all'università vengono accolte per essere sezionate unicamente le salme di persone sole e che non vengono reclamate da nessuno. E' il caso di un defunto Pietro Demarco, morto all'ospedale di Bolzano, e trasportato - in assenza di parenti - all'università di Innsbruck.
(T.V.21/2/1874) Le perforazioni in zona mulino dell'Ordine Teutonico accertano la presenza in profondità di una consistente falda d'acqua. Si possono ottenere giornalmente anche 70.000 metri cubi. Sarà possibile farne qualcosa? L'articolista in un italiano strampalato commenta: "Qui vivrà, verrà!"
Un operaio cade dall'argine del Talvera (Wassermauer) nel vicolo di Castel Mareccio e muore.
(T.V.28/2/1874) Durante una Messa ad Egna Josef Wurz si è presentato in chiesa ubriaco e vestito da Arlecchino. E' stato condannato a otto giorni di arresto, uno di questi da trascorrere a digiuno.
(T.V.11/3/1874) A Predazzo un incendio ha incenerito nottetempo otto case: 17 famiglie non hanno più un tetto.
(T.V.18/3/1874) La vecchia fonte nel convento dei Cappuccini eroga ora copiosa acqua potabile. Una perforazione ha incontrato una ricca falda acquifera a 70 piedi di profondità.
(T.V.28/3/1874) Un bue viene scaricato da un carro-merci alla stazione, cade e fugge. Percorre vie cittadine e aggredisce passanti (un taglialegna viene ferito seriamente). Si rifugia nel parco del conte di Sarentino dove viene abbattuto.
(T.V.1/4/1874) Si parla e riparla di un nuovo edificio scolastico da costruire possibilmente in piazza Domenicani. Quattrocento contribuenti "in gran parte proprietari di immobili" indirizzano al comune un sollecito perché si decida per il sì.
S'avvicina la settimana santa. Nella chiesetta retrostante il duomo (distrutta dalle bombe nel 1944) terrà prediche in italiano un canonico di Vicenza, definito "eccellente predicatore".
(T.V.4/4/1874) L'ing. Altmann ha presentato il progetto per la conduttura di acqua che alimenti Bolzano sgorgando da un pozzo scavato nei pressi del mulino dell'ordine teutonico e che assicurerebbe 66.000 metri cubi al giorno.
Si apre a Bolzano il nuovo "Gasthaus zur Goldenen Traube" in via Grappoli. Esiste tuttora.
(T.V.18/4/1874) L'abbattimento del vecchio ospedale, davanti al duomo, è in corso. Era intitolato al Santo Spirito. In sua vece sorge oggi il palazzo delle Poste.
(T.V.22/4/1874) Grande festa a Trento per la benedizione della bandiera della guarnigione, il reggimento arciduca Leopoldo. La cerimonia s'è svolta in piazza d'armi, presente l'arciduca Enrico con consorte.
(T.V.25/4/1874) Nei pressi di Parcines è stato abbattuto un orso pesante oltre 2 quintali.
(T.V.29/4/1874) Prosegue la progettazione della ferrovia Bolzano-Merano. S'è deciso di prevedere stazioni a Castel Firmiano, Settequerce, Nalles-Vilpiano e Lana-Postal. Non si è ancora decisa ancora invece l'ubicazione della futura stazione di Merano.
(T.V.2/5/1874) E' iniziato il processo a carico di Josef Tribus, da Tiso di Lana, accusato d'aver ucciso suo fratello.
(T.V.6/5/1874) Il 3 maggio è stato inaugurato l'hotel "Victoria", davanti alla stazione. Dispone di 80 stanze. Gestore: Heinrich Schmid.









L'hotel "Victoria" in una cartolina illustrata.

Processo Tribus. Al fratricida vengono comminati 5 anni di carcere duro. Ogni 12 dicembre, giorno del delitto, Il condannato sarà costretto all'isolamento.
(T.V.10/5/1874) Il principe vescovo Riccabona di Trento è ammalato, e così nelle valli del Sudtirolo per impartire le cresime giunge il vescovo di Graz von Seckau, che è di origine sudtirolese. Tutti i Comuni gli tributano grandi feste fuorché quello di Bolzano, con la scusa che i rappresentanti comunali sono impegnati in tempestose riunioni del consiglio. Oltretutto la "Bozner Zeitung" protesta perché alle cresime si leva un gran gridare da parte dei bambini, evidentemente non consci dell'importanza di questo sacramento. Ed anche i padrini chiacchierano rumorosamente, mentre il presule passa da un bambino all'altro per l'imposizione delle mani e la benedizione.
Il Comune incarica gli architetti Scrinzi ed Irschara della costruzione della nuova scuola che sorgerà in piazza Domenicani al posto del vecchio ospedale. Attualmente l'edificio ospita le Poste.









Nel secondo dopoguerra l'edificio ospiterà il liceo classico, poi le Poste.

(T.V.20/5/1874) Il papa Pio IX ha compiuto 83 anni. I cattolico-conservatori di Bolzano e dintorni, che sono 3600, gli hanno inviato gli auguri. Lo stesso ha fatto il Comune di Dodiciville.
(T.V.23/5/1874) Un vagabondo che mendicava a Laives ha distribuito ai bambini libretti di contenuto luterano. Si è poi diretto lungo la Vallarsa per raggiungere Nova Ponente.
(T.V.25/5/1874) a Gries un villeggiante che sedeva davanti a un albergo sé tenuto in testa il cappello al passaggio di una processione. Stesso comportamento, quando la processione è tornata. La cosa ha provocato sdegno.
(T.V.6/6/1874) Si scrive dei previsti restauri di castel Roncolo e dei suoi affreschi, ma i 1.088 fiorini finora stanziati sono pochi: non vale neanche la pena d'iniziare.
Sarebbe terminata la progettazione della ferrovia Mestre-Bassano-Trento. Si passerebbe tra breve alla sua costruzione.
Brutte notizie per gli emigrati in Brasile: è preferibile restare a casa.
(T.V.10/6/1874) A Dodiciville si sparano mortaretti. Un cavallo aggiogato a una carrozza sulla quale si trova un fabbro di Termeno s'imbizzarrisce e rovescia il veicolo. Il passeggero muore l'indomani all'ospedale.
A Gries un bambino di un anno cade in una roggia ed annega.
(T.V.17/6/1874) Durante i mesi estivi, dal 28 giugno all'8 settembre del 1874 gli sportelli della Cassa di Risparmio di Bolzano resteranno chiusi durante le domeniche e nei giorni festivi.
Con il ritorno della buona stagione si riaprono i "bagni". Così tra gli altri si fanno pubblicità i bagni di Turnbach (Appiano), Dreikirchen (Villandro), Ilstern (S.Sigismondo), Cortina (San Vigilio di Marebbe, Bad Kochenmoos (Stava) ecc.

(T.V.20/6/1874) Per la sera del 21 ai annuncia sui monti del Tirolo l'accensione di fuochi per il 29esimo dell'intronizzazione di Pio IX.
(T.V.24/6/1874) La banda civica ha percorso suonando le vie della città per festeggiare i 29 anni di pontificato di Pio IX.
I tipografi di Bolzano intendono festeggiare il ricordo di Gutenberg, l'inventore della stampa a caratteri mobili, con una gita a Sant'Isidoro, presente la banda civica. Appuntamento alle 5 del mattino a ponte Loreto.
Processione del Corpus Domini a Merano. Della giunta comunale del consiglio era presente informa ufficiale solo il sindaco. L'ultima lettura del vangelo davanti ad una certa casa, sempre quella negli anni, non poté aver luogo, perché il padrone s'era opposto. Il vangelo fu letto davanti ad una casa vicina. Alle finestre della casa interdetta si sono affacciate invece persone che fumavano il sigaro. Scandalo!
(T.V.1/7/1874) I frequentanti la scu9ola civica maschile (4 classi) e le scuole civiche femminili (6 e 4 classi) sono stati lo scorso anno in totale 854: 273 per la scuola maschile e 354 e 205 per quelle femminili, di rispettivamente 6 e 4 classi. Il corpo insegnante è costituito, oltre al direttore, di 4 maestri, 11 maestre, 6 catechisti, 1 supplente e 2 maestre di sostegno (Hilfslehrerinnen).
(T.V.4/7/1874) Il ginnasio privato di Bolzano (dei PP.Francescani) è stato frequentato da 126 studenti; quello statale da 158.
Il tribunale ha giudicato e condannato una banda di ladri di cinque addetti ai servizi di facchinaggio ecc. alla stazione, che saccheggiavano treni in transito.
La corte d'assise ha condannato a sei anni di carcere duro e un giorno di digiuno al mese la dipendente ferroviaria Franziska Horeisch, da Fortezza, nubile, accusata di aver soppresso un suo nato.
(T.V.8/7/1874) La corte d'assise di Bolzano ha giudicato il servo agricolo 18enne Franz Rauter, da Lajon, un ragazzo dall'apparenza stupida e privo d'istruzione, condannandolo a 5 anni per rapina e violenza. Tra l'altr,o sotto la minaccia di un coltello aveva costretto un undicenne - incontrato in un bosco - a gettarsi in acqua, solo per il piacere bestiale di terrorizzarlo.
(T.V.11/7/1874) La banda del reggimento Arciduca Leopoldo suonerà lunedì e martedì sera nel giardino del ristorante Rainer.
(T.V.15/7/1874) Nubifragi. Un corso d'acqua disceso dal Corno Nero verso Cavalese ha travolto tre ponti (uno dei quali in pietra): danni a mulini e altre strutture lungo il percorso (una trentina). Danni anche in val di Cembra (travolti i ponti presso Civezzano). Strade chiuse. A Trento il Fersina ha travolto ponti e allagato parte della città. Danni alla strada della val Sarentino.
(T.V.18/7/1874) Si introdurrà il primo gennaio 1876 il sistema metrico-decimale. Si prospettano difficoltà.
(T.V.1/8/1874) Josef Harder, figlio del sarto di Fiè, si offre come guida per escursioni sullo Sciliar, sull'Alpe di Siusi e in val di Fassa.
(T.V.14/8/1874) A Coredo in val di Non sono state distrutte dal fuoco sei case. Dodici i senzatetto. L'incendio è stato provocato da bambini che giocavano.
(T.V.22/8/1874) Genetliaco del Kaiser. In piazza la guarnigione "ha sparato a salve con ottima precisione, ed è sfilata davanti al neo comandante maggiore conte Prokesch-Nothhaft, che ha preso il posto del maggiore Leidner, trasferito a Riva.
Nel Tirolo gli incendi sono frequenti; ciononostante in tutto il Tirolo tedesco vi sono solo 18 squadre di vigili del fuoco volontari. Dal 6 all'8 settembre si annuncia a Merano il convegno dei vigili del fuoco volontari del Tirolo tedesco. Si sperimenteranno ed esporranno nuovi mezzi meccanici antincendi fabbricati in Austria e in Germania. Si invitano ad intervenire tutti i rappresentanti delle comunità interessate. All'insegna del motto "aiutati ché Dio t'aiuta".
Il 15 novembre l'istituto agrario di San Michele riaprirà i battenti. Quindici posti sono riservati agli allievi tirolesi. Gli aspiranti dovranno presentare tra l'altro una certificazione di buona condotta rilasciata dai rispettivi assistenti spirituali. Il corso costa 150 fiorini, Saranno erogate sei borse di studio a studenti meritevoli e bisognosi. L'8 settembre riprenderanno le lezioni anche all'istituto professionale di Bolzano. Si attiverà per il 15° anno anche l'istituto magistrale.
(T.V.26/8/1874) Tre giovani, addetti alla miniera di Monteneve in val Ridanna, muoiono per l'esondazione di un torrente, conseguente al maltempo.
"Dopo che l'utilizzo di donne nel servizio telegrafico statale ha dato risultati soddisfacenti e dopo che il ministero del commercio recentemente ha ammesso le donne anche al servizio postale, si starebbe ora per porre il problema del loro impiego pure nel servizio ferroviario".
A Magrè s'è liberato un posto di maestra per la scuola elementare femminile. Le aspiranti debbono impartire i consueti insegnamento durante l'estate, e d'inverno anche l'insegnamento delle attività squisitamente femminili. Compenso: 210 fiorini, più l'appartamento ed il legname.
(T.V.29/8/1874) In fin di vita in val Sarentino un giovane che aveva voluto usare un vecchio fucile, ormai da buttare: gli è scoppiato in mano.
Vicino alla stazione, nel parco, è sorto un piccolo edificio che, secondo taluni, sarebbe un piccolo teatro delle marionette. Il giornale fa dell'ironia. In realtà si tratta del casello del dazio, che sopravviveva ancora negli anni Venti del secolo scorso. Al suo posto è stata costruita la fontana delle rane.









Il dazio sorgeva ove ora c'è la fontana delle rane

(T.V.2/9/1874) Un turista di Monaco - il dott. Schwaba - precipita e muore mentre scende dallo Sciliar a tarda sera. Era stato preavvisato del rischio discendere con poca luce.
(T.V.5/9/1874) Il Kaiser e l'arciduca Ludwig presenzieranno alle manovre militari programmate tra il 21 e il 24 ottobre lungo la linea da Avelengo a San Genesio.
(T.V.9/9/1874) Un giovane apprendista lattoniere che lavorava sul tetto della chiesa di San Paolo Appiano precipita e muore. Il giornale non ne cita neanche il nome.
Nella notte tra il 4 e il 5 settembre sono bruciate a Levico "circa 100 case". La notizia merita una riga e mezzo.
(T.V.19/9/1874) La banda musicale si scioglie. Era stata costituita otto anni fa. S'è sempre gestita a proprie spese, nessun appoggio dal Comune.
(T.V.26/9/1874) Sono iniziati i lavori di restauro di castel Roncolo. Vi provvede il governo.









Castel Roncolo nel 1860

Da Merano. In 5 settimane sono giunti oltre 3000 turisti. Sono giunti perfino degli americani. Gli anglicani provenienti dalla Gran Bretagna dispongono per i loro incontri di una loro sala, così anche gli ebrei. Numerosi gli ospiti provenienti dalla Polonia e dalla Russia. E' stato anche aperto un ristorante kosher, per gli ebrei. Il 1° ottobre sarà aperto il nuovo Kurhaus. Ilcasino nel Kurhaus comprende una sala di lettura, una sala per signore ed una sala da gioco. Nella sala di lettura sono a disposizione dei frequentanti non meno di 80 giornali locali e stranieri. Ristorante e caffè sono gestiti "dal locale albergatore Schwarz".
(T.V.30/9/1874) Per il 30 ottobre si annuncia un festa che raggrupperà davanti ad un semplice maso di Laion una certa folla. Converranno in particolare da nord e da sud filologi tedeschi, e sul maso sarà murata una targa che ricorderà come lì sia nato "il re di tutti i poeti del medioevo tedesco, Walther con der Vogelwaide (sic)". Un coro di Bressanone e Bolzano canterà "Deutschland über Alles, uno dei suoi più bei canti". In realtà (ndr) l'inno nazionale tedesco è stato scritto da August Heinrich von Vallersleben, che solo in parte si è ispirato a Walther. Quanto a quest'ultimo, il suo luogo di nascita è tuttora incerto. Si propende per il Waldviertel, nella Bassa Austria.
Da Levico, dove un incendio ha distrutto 111 case, in gran parte abitate da povera gente, il cappellano Federico von (de?) Antonini rivolge un appello alla collettività per offerte in denaro e vestiario.
(T.V.3/10/1874) Trecento filologi è insegnanti tedeschi sono convenuti ad Innsbruck per un loro congresso. In oltre 200 sono giunti il giorno 30 a Bolzano, accolti dal sindaco Schüler. Pranzo all'hotel "Victoria", difronte alla stazione. Visita a Castel Roncolo, alle 19 partenza col treno per il rientro ad Innsbruck.
In Corte d'Assise processo per falsificazione di monete a carico di Anton Jost (fabbro a Villa di Egna) e di suo figlio Franz. Fondevano in rame monete da 10 e 20 kreuzer, che poi coprivano di un velo d'argento. Si difendono affermando che non intendevano produrre monete, ma bottoni riproducenti monete. Il padre è stato condannato a 15 mesi di carcere duro e il figlio a 13.
(T.V.7/10/1874) Nuovo orario ferroviario. Il treno che parte da Bolzano alle 16.03 arriva a Trento alle 17.39.
(T.V.10/10/1874) Lungo articolo sulla commemorazione a Laion di Walther von der Vogelweide.
Articolo di protesta contro il nuovo orario dei treni. Non è stato ancora esposto alcun cartellone indicante le nuove partenze ed arrivi ed i viaggiatori si trovano in imbarazzo.
(Bozner Zeitung, 14/10/1874) "Gli esploratori polari Haller e Klotz nel loro viaggio di ritorno verso casa (val Passiria, ndr) sono qui giunti in treno e sono stati ricevuti dal direttivo del locale Alpenverein. Hanno raggiunto l'hotel "Kaiserkrone" in carrozza dove a sera c'è stato (in loro onore) un banchetto. Hanno assistito anche alla recita dell'"Orfeo"". A completamento della notizia: la spedizione polare era durata dal 1872 al 1872, era stata comandata da Carl Weyprecht e Julius Payer (conquistatore della vetta dell'Adamello), l'equipaggio trovò posto sulla nave Tegetthoff che fu abbandonata tra i ghiacci, si raggiunsero gli 82° e 5' di latitudine, fu scoperta la Terra di Francesco Giuseppe. Alexander Klotz e Johann Haller, unici tirolesi della spedizione, in quanto provetti cacciatori ebbero l'incarico di rifornire l'equipaggio di carne (orsi ecc.).









Gli esploratori polari della spedizione austriaca. A.Klotz e J.Haller sono i primi da sinistra in alto.

(T.V.17/10/1874) Si costituisce a Bolzano un comitato per la costruzione di un monumento a Walther von der Vogelweide.
Alle elezioni comunali di Bolzano massiccio successo dei liberali (laici) nei confronti dei conservatori (cattolici).
(T.V.21/10/1874) "Sua Altezza il serenissimo signor Arciduca Ranieri si è degnato graziosamente di assumere il patronato del comitato per la costruzione di un monumento a Walther von der Vogelweide a Bolzano".
(T.V.31/10/1874) Diciannove case bruciano a Romallo in val di Non. Trentotto famiglie restano senza un tetto.
(T.V.4/11/1874) Una quarantina di case sono state distrutte da un incendio nella notte tra il 1° ed il 2 novembre a Rio di Pusteria.
(T.V.7/11/1874) Kaiserschießen a Bolzano. I tiratori convenuti sono stati 660. Sono stati 735 quelli che hanno sparato sulla grande distanza (sic).
Molto frequentato il mercato-bestiame dei Santi. Vi sono apparsi 1.236 animali di grossa taglia e 1.409 di taglia piccola. Prezzi bassi.
(T.V.11/11/1874) Per il 13 novembre si annuncia nella casa degli apprendisti il primo concerto stagionale del "Musikverein". Vario il programma: dal canto (singolo e corale), al trio, all'orchestra. Il "Musikverein" è frequentato annualmente da 70/90 allievi. Sua altezza l'arciduca Karl Ludwig è giunto a Merano con i figli e la consorte arciduchessa Maria Teresa di Braganza.
Incendio a Rio Pusteria: le case distrutte sono state 33. Si chiedono aiuti in denaro e vestiti per gli abitanti, tutta povera gente. Rivolgersi al cappellano di Bolzano, von Antonini.
Le autorità tornano a scoraggiare l'emigrazione in Brasile.
(T.V.18/11/1874) Si è costituita a Gries e Dodiciville la compagnia dei facchini. Indossano un cappello verde. Ricordiamo che la stazione ferroviaria di Bolzano si trovava nel comune di Dodiciville.
(T.V.21/11/1874) Sabato è stato inaugurato a Merano, per i turisti, il "Kurhaus".
(T.V.24/11/1874) Si annuncia un'operetta di Offenbach: "Die Schwätzerin von Saragossa". La stagione proseguirà con altri numerosi appuntamenti musicali.
Premi per i protagonisti della spedizione polare. Nel breve elenco figurano anche i due sudtirolesi Haller e Klotz . A Haller pervengono 1.470 fiorini per aver salvato tre marinai a rischio della propria vita. A Klotz 1.170 fiorini.
(T.V.28/11/1874) Va in scena "Pagliazzo e la sua famiglia", di Louis Zinker.
(T.V.5/12/1874) Si annuncia in teatro "Ein guter Kerl", sotto la direzione di Louis Zinker. E' una farsa musicale in otto quadri.
Muore un veterano che aveva combattuto con Andreas Hofer, Martin Seitz da Terlano. Aveva 86 anni ed era stato poi arruolato come artigliere nell'armata austriaca in Italia.
A Glorenza è stato ucciso un orso pesante un quintale e 80 chili. Il suo uccisore è stato premiato con 100 fiorini erogati dal governo e dal comune.
(T.V.12/12/1874) Per domenica 13 si annuncia in teatro "Ringo, il marinaio coraggioso", cinque atti tradotti dal francese.
Si annuncia per il giorno 23 un imperdibile concerto del "Quartetto Fiorentino".
(T.V.16/12/1874) Per consentire una regolare chiusura dei conti di fine anno la Cassa di Risparmio di Bolzano rende noto che dal 1° gennaio al 15 febbraio 1875 i versamenti ed i prelievi sui libretti a risparmio potranno essere eseguiti solo domenica, mercoledì e sabato nelle ore del mattino.
(T.V.19/12/1874) Proseguono le recite di operette al teatro.
Due anni di carcere duro per il 22enne Franz Lercher. Aveva appiccato un incendio per poter essere lui il primo ad accorrere onde spegnerlo.
(T.V.30/12/1874) "Un individuo qui giunto si dà da fare per regalare libri protestanti. State attenti!"

Home Page | Biografia | Contenuto del sito | Cronache del passato | Personaggi 1 | Personaggi 2 | Persone | Gallerie fotografiche | Bibliografia | Fonti fotografiche | I miei libri | Sponsor | Storie di sponsor | Contatti | Privacy Policy | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu