Bolzano scomparsa


Vai ai contenuti

Menu principale:


1875

Cronache del passato > 1875-1879

Proseguiamo la ricerche sul "Tiroler Volksblatt", giornale cattolico che esce due volte la settimana a Bolzano.
Tra le cronache di quest'anno, l'incendio in alto mare della nave Kospatrick che portava emigranti in Nuova Zelanda; di 465 persone se ne salvano solo tre. Importante l'introduzione del sistema decimale per i pesi e le misure.
In Svezia 44 ragazzine addette all'impacchettamento di fiammiferi sono morte in seguito ad un incendio. Altre nove sono state salvate, ma versano in condizioni disperate.
Il Regno d'Italia dispone che i religiosi non siano esentati dal servizio militare.
In luglio a Praga muore, a 82 anni, l'imperatore Ferdinando, nonno di Francesco Giuseppe, a cui favore aveva abdicato. Aveva sposato (1831) Maria Anna Carolina Pia, figlia di Vittorio Emanuele I, re di Sardegna. Era debole di mente.
La "Bozner Zeitung" il 24 luglio elenca la consistenza dei vari eserciti europei. L'Austria ha sotto le armi 857.000 uomini, la Gran Bretagna 479.000, il Belgio 93.000, la Francia 978.000, L'Italia 605.000, la Russia 1.519.000, la Germania 1.261.000. Le guerre dal 1852 al 1866 sono costate 921.591 vite umane, più altre 100.000 "per l'ultima guerra" (quella tra la Prussia e la Francia, 1870). "Tutti gli stati coinvolti sono a gestione liberale, pertanto nulla può essere addebitato agli 'ultramontani'(ossia ai cattolici)".


2/1/1875 La Corte d'Assise di Bolzano s'è interessata alle conseguenze di una lite avvenuta a tarda sera, il 15 novembre dell'anno precedente, nei pressi di Naturno tra quattro ubriachi: Josef Fleischmann, Johann Waibl, Francesco Delugan e Pietro Pollo. Raggiunto da una pugnalata morì il Waibl; 4 stilettate subì il Fleischmann, che sopravvisse. La Corte condanna il Delugan a 4 anni di reclusione per omicidio, il Pollo a 6 mesi per lesioni.
5/1/1875 Prosegue intensa l'attività operettistica a teatro.
"Il pittore Defregger ha ricevuto dal Kaiser tedesco la medaglia d'oro per l'arte".
16/1/1875 In tutto il Tirolo tedesco ci sono 56 avvocati. Di questi 14 esercitano ad Innsbruck.
19/1/1875 A Bolzano nel 1874 sono morte 380 persone (195 maschi e 185 femmine). Solo 97 sono i decessi avvenuti in ospedale. La maggiore mortalità si è verificata tra i 2 ed i 10 anni (66 casi, addirittura 53 casi nel primo anno di vita). Il defunto più anziano aveva 94 anni. Cause di mortalità: tubercolosi 47, scarlattina 19, colpo (Schlagfluß) 18, polmonite 17 ecc.
13/2/1875 In vista delle prossime elezioni del 20 febbraio il giornale fa propaganda per il signor Franz von Zallinger-Stillendirf "il cui cuore batte per Dio, il Kaiser e la patria". Appartiene al partito conservatore.
20/2/1875 La prima pagina del "Tiroler Volksblatt" appare parzialmente bianca perché il giornale è stato sequestrato e poi ristampato senza l'articolo censurato dall'autorità giudiziaria. Il titolo dell'articolo era: "Nelle mani degli elettori".
A Bolzano, su iniziativa del comune di Dodiciville, s'indice una processione per impetrare la fine dell'epidemia di vaiolo, ma "l'amministrazione comunale liberale" non l'autorizza. "In ambienti informati, come si apprende, non si è tuttavia disposti a sottostare ad imposizioni relative alla processione".
3/3/1875 Si proibisce di associare scolaresche a cortei funebri.
10/3/1875 Nella tipografia "Wohlgemuth" si possono acquistare le tabelle di raffronto tra le vecchie unità di peso e misura e quelle nuove. S'è introdotto il sistema decimale.
13/3/1875 L'introduzione del sistema metrico decimale comporterà disagi, ma poi le cose miglioreranno.
Processi per lesioni personali e per incendio doloso sono stati celebrati dalla Corte d'Assise.
A Coredo (val di Non) crolla una casa: morti quattro esseri umani e otto animali.
17/3/1875 Si aggirano persone che vendono a poco prezzo Bibbie ed altri testi religiosi. Attenzione: sono protestanti!
A Rio Molino la conciatrice Crescenza Wiedenhofer, suoi dipendenti ed altre persone hanno distratto beni dell'impresa, onde sottrarli al concordato fallimentare. La donna è stata condannata a due anni, gli altri a pene inferiori. I beni sottratti aol concordato avevano un valore di 2.000 fiorini.
20/3/1875 In Corte d'Assise si celebrano processi per episodi avvenuti a Lienz. La competenza della Corte si estendeva al Tirolo Orientale.
Il 48enne Pietro Deflorian, da Panchià, pregiudicato per 11 furti e ospite delle patrie galere per 18 anni, era stato sorpreso mentre saccheggiava la cassetta delle offerte nella chiesa di San Valentino al Campo. E' stato condannato a 5 anni di carcere duro con un giorno di digiuno ogni mese.

24/3/1875 Alla Corte d'Assise si processa il 44enne Mathias Meraner, sposato e padre di 5 bambini, dipendente delle poste. Era accusato di malversazione per essersi impadronito di somme di denaro che sottraeva dalla corrispondenza. Condanna a 15 mesi di carcere con un giorno di digiuno al mese.
Ultima udienza con un caso di omicidio. Imputato il 23enne Josef Garber di Ciardes, costruttore di ruote, che durante una lite aveva ucciso con una randellata in testa tale Peter Vanzo, un trentino. E' stato condannato a tre anni con un giorno di digiuno al mese e dovrà versare alla vedova 25 fiorini.
27/3/1875 "Asta. Come apprendiamo, il seggio che si trova in duomo sul lato della (lettura dell') epistola e che era destinato alla onorevole persona del borgomastro di Bolzano, sarà prossimamente rimosso e destinato a chi offrirà la più alta somma per il suo acquisto. E' ovvio che un'autorità comunale lontana dalla religione non sappia che farsene, di un seggio in chiesa. Sarebbe però anche peccato lasciarlo inutilizzato. Noi speriamo che l'asta per questo storico seggio, che i precedenti borgomastri di Bolzano hanno onorato della loro preferenza fino all'era Schüler-Toldt (il borgomastro attuale, ndr.) possa gratificare la cassa della chiesa con un po' di denaro". Il sindaco Schüler era entrato in carica nel 1873, ma non aveva evidentemente interesse al privilegio di un seggio riservato in duomo.
Lo scultore Silbernagel di Vienna ha ricevuto l'incarico di progettare il monumento a Walther von der Vogelweide, da erigere in quella che oggi si chiama piazza Walther (ed all'epoca Johannsplatz).
3/4/1875 A San Valentino in Campo (Gummer) l'epidemia di vaiolo s'è estinta. Le vittime sono state tante e qualche casa è stata addirittura svuotata. In una sola famiglia sono morti sei bambini.
Assassinio il venerdì santo a Postal. Il servo dell'oste del "Zum guten Tropfen" stava dormendo a letto verso le 23, quando è rientrato a casa il suo compagno di camera che lo ha ucciso con tre colpi d'ascia in testa. L'assassino è il fratello del tale che un anno e mezzo fa ha ucciso accoltellandolo un italiano su una strada che adduce a Postal.
7/3/1875 L'opera "Stradella" programmata per martedì è stata rinviata all'8 aprile per l'indisposizione di uno degli interpreti, il "signor Cantarelli".
10/4/1875 Caldaro. "Un agente della 'compagnia luterana' che vendeva a prezzi bassissimi bibbie falsificate e altre stampe protestanti, su ordine del borgomastro è stato tratto in arresto e tradotto in ceppi al capitanato circondariale. Le stampe gli sono state sottratte e inviate a loro volta al capitanato. Le bibbie e il resto che era riuscito a vendere a gente sprovveduta che non aveva intuito il male, sono state bruciate o consegnate al parroco.
Nella zona di Castel Firmiano è stata trovata la salma di un uomo ben vestito. Aveva una pistola in mano. Omicidio o suicidio?
14/4/1875 Corre voce che in teatro si voglia rappresentare "Il parroco di Kirchfeld", un lavoro di tendenze anticlericali. Il giornale si esprime contro quest'ipotesi.
Lungo articolo su un singolare fatto di cronaca avvenuto nel sottotetto di un edificio di via Portici. Un gruppo di studenti ginnasiali vi allestisce una recita teatrale. Interviene la polizia che sospende la rappresentazione, minaccia d'arresto attori e pubblico, conta i presenti, li identifica e mette i sigilli al locale, ignorando le proteste di una persona la quale ha bisogno di transitare attraverso il locale per accedere alla sua stanza.
17/4/1875 Duecento persone sono emigrate dalla Valsugana in America, "anche se le prospettive sono molto negative". Scrive il giornale che "l'emigrazione dalla Valsugana verso l'America sta diventando un'epidemia".
Appena a Levico sono state tolte le impalcatura alte 32 piedi attorno alla nuova bella cuspide del campanile questa è crollata. Nessuna vittima, per fortuna.
In teatro è stato rappresentato il "Trovatore".
28/4/1875 Da due settimane circolano banconote da 5 gulden false. Fare attenzione.
8/5/1875 "Il 16 giugno di quest'anno sarà per i cristiani cattolici festa per molti motivi. Anzitutto, ricorreranno i 200 anni da quando Gesù è apparso alla beata Margherit Alacoque, incaricandola di diffondere il culto del suo Sacro Cuore. In secondo luogo il Zanto Padre, mosso dalle preghiere di molti vescovi e di un'infinità di fedeli, ha ordinato che in questo giorno tutta la cattolicità sia dedicata al Sacro Cuore. La congregazione dei Santi Riti ha pubblicato il relativo decreto e la relativa formula papale (…). Il 16 giugno è infine anche il trentesimo anniversario dell'intronizzazione di Pio IX.
15/5/1875 Come sindaco di Merano viene eletto il liberale dott. Von Hellrigl.
26/5/1875 "Il reverendissimo vescovo coordinatore di Trento ha indirizzato ai diocesani una lettera pastorale nella quale espone le disposizioni del Santo Padre emesse il 16 giugno e volte a dedicare tutta la cattolicità al Cuore di Gesù, e informandola con parole scaturite dal cuore sull'importanza di questo atto e mettendo al corrente la cattolicità sulla formula voluta dal Santo Padre per questa devozione". Il 16 giugno in ogni chiesa della diocesi si dovrà dar luogo ai riti prescritti. Le formule volute dal Papa sono stampate dalla tipografia Wolgemuth e saranno messe in vendita al prezzo di 5 corone la singola copia, 42 corone per una dozzina.
Deplorevole infortunio la domenica della Santa Trinità. Ginnasti bolzanini si erano recati al lago di Monticolo. Il commesso 21enne Ferdinand Guggenberg volendo fare un bagno, annegò. Si spera che il giovane prima di incamminarsi per la gita abbia assistito ad una Santa Messa. E dire che sua madre, vedova da poco, l'aveva pregato di non partecipare in un tal giorno di festa ad una gita (alla quale s'era associato anche il sindaco) e di restare invece in casa.
29/5/1875 Omicidio a Merano nel giardino Schiller, alle 21,30. Una giovane donna che attraversava il parco diretta a casa, a Maia Bassa, è stata colpita alla schiena con una coltellata da un uomo. Si ritiene essersi trattato di uno scambio di persone. La coltellata era diretta ad una prostituta.
5/6/1875 I bagni di S.Isidoro e l'attigua chiesetta, sopra Campegno, sono stati depredati del loro arredamento in pieno giorno. D'inverno, durante la chiusura, sono giunti agli sconosciuti con due carri che hanno portato via di tutto. Chi ha assistito al "trasloco" non ha dato l'allarme, pensando che si trattasse non di ladri, ma di persone autorizzate dal proprietario. Intanto grazie alla buona stagione si fanno pubblicità con inserzioni sul giornale i bagni di Schalders, Pejo, Schgums (in Venosta), le terme di Brennero e i bagni di Ratzes.
12/6/1875 Sangue a Postal per un furto di ciliegie. Giuseppe Moser sorprende due ladruncoli all'opera, i fratelli Tonato, e ne ferisce uno con una stilettata. Questi l'indomani muore.
Pubblicità anche per i bagni di Fünfkirchen (sopra Villandro).

16/6/1875 La prima pagina figura festosamente incorniciata. L'apertura dell'articolo suona così: "Il 16 giugno è un giorno di grande giubilo per tutta la cattolicità". Si ricorda che è il 200° anniversario dell'apparizione di Gesù Cristo alla mistica Margherita Alacoque. Gesù rivelò in quella occasione il culto del Sacro Cuore. E così in un mondo sempre più votato al materialismo, oggi la cattolicità viene dedicata - auspice papa Pio IX - al culto del Sacro Cuore, nuova fonte di grazia. Da sottolineare anche che il 16 giugno ricorre il trentesimo anniversario della salita al trono papale di Pio IX.
All'hotel Scala assemblea dell'associazione per la protezione degli uccelli.
19/6/1875 Per i festeggiamenti del Sacro Cuore a San Genesio un giovane nel far scoppiare un mortaretto ha avuto amputato un piede. E' morto dissanguato.
23/6/1875 Finalmente ha ripreso a piovere, ma l'Adige ha tracimato ad Ora e Vadena.
A Vipiteno un ferroviere scivolando su un binario ha avuto una gamba amputata. Precedentemente in un caso analogo era morto suo fratello, cui erano state amputate entrambe le gambe.
26/6/1875 In corte d'Assise sono stati condannati per stupro in due diversi processi Ludovico Tomasi di Nogaredo (cinque anni di carcere duro) e Josef Kirchmair da Malles (due anni di carcere duro) Maria Feierabend, cucitrice di Tarces è stata condannata invece ad otto anni di carcere duro per aver soppresso "in maniera orrenda" un suo neonato. Josef Stricker invece era accusato di omicidio e Quirin Scherer\ di eccesso in legittima difesa. Il 30 aprile il ferroviere Francesco Marchiori era stato rinvenuto gravemente ferito alla testa. Trasportato all'ospedale vi era deceduto. Era emersa una vicenda di ubriachezza, prostituzione e violenza. Stricker e Scherer sono stati assolti perché aggrediti dal Marchiori e da un compare della vittima.
3/7/1875 Il capitano del circondario vieta l'accesso al Lungotalvera sinistro, visto che il comune di Dodiciville si rifiuta di collaborare alla costruzione di una ringhiera di sicurezza. Il Lungotalver, in pratica l'argine, è una bella passeggiata, ma pericolosa. Non basterebbe chiuderne l'accesso di notte?
120 studenti hanno frequentato nell'anno decorso il ginnasio dei Francescani. Quello statale è stato frequentato da 145 allievi. 123 gli studenti del ginnasio di Merano.
10/7/1875 Messa funebre in duomo per l'imperatore Ferdinando, presenti le autorità, tra le quali la consorte dell'arciduca Enrico, impegnato a Vienna. Sulla scuola di piazza San Giovanni (oggi piazza Walther) è stata esposta la bandiera abbrunata. Grande folla.
A Villa di Egna due ragazzi annegano mentre fanno il bagno in uno specchio d'acqua.
"La prima domenica dopo i santi Pietro e Paolo si è rinnovato il tradizionale pellegrinaggio da Bolzano a Pietralba, organizzato dall'associazione degli apprendisti". Sono affluiti anche apprendisti provenienti da Bressanone, Merano e Trento. All'arrivo del lungo corteo: mortaretti, bandiere, musica, canti. Poi la Messa e la predica. "Nulla da dire contro questa cara comunità (di pellegrini) sotto il profilo sinceramente patriottico, religioso e nel profondo dello spirito conservatore; che certa gente dica pure quel che vuole, contro simili pellegrinaggi. Non sono in grado di capire: non resta che perdonarli".
14/7/1875 Grandinate disastrose ad Appiano, Redagno, Pietralba, Meltina, Verano, Avelengo. Un fulmine ha staccato a Ponte Nova una frana che ha ucciso un cavallo. Nubifragi e grandine anche su estese zone del Trentino.
Disastri dovuti al maltempo anche in Stiria, Slesia, Bassa Austria. Inondazioni in Normandia. Nubifragi e grandine a Ginevra (10.000 vetri infranti), in Savoia, in Ungheria. I fulmini hanno incendiato a Linz una decina di case.
24/7/1875 Sono terminati i lavori per le due vetrate a colori site nel duomo, sui due lati dell'altar maggiore. Il lavoro è dovuto alla vetreria artistica dei fratelli Neuhauser di Innsbruck. I disegni - in stile neogotico - sono di due artisti di Innsbruck, Spörr e Neuhauser, e raffigurano l'immacolata concezione di Maria e la presentazione di Maria al tempio. L'autore dell'articolo si dice d'accordo con le parole encomiastiche della "Bozner Zeitung" ma sottolinea che lo "stupendo altar maggiore in marmo non s'adatta allo stile della chiesa (è barocco, ndr)" ma andrebbe rimosso. Preesistono le vetrate della cappella barocca delle Grazie (dietro l'abside). Tutte le vetrate furono distrutte dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.
28/7/1875 Continua l'emigrazione trentina verso il Brasile, nonostante le deludenti notizie che vengono da quella lontana terra. Da Trento sono partite altre 800 persone di Fornace. Un altro centinaio di emigranti sono partiti pochi giorni dopo.
7/8/1875 Alle terme di Brennero hanno soggiornato per le cure finora 761 persone. L'arcivescovo di Milano mons. Calabriana soggiorna per cure a Rabbi, dove è stato accolto da suoni id campane e scoppio di mortaretti.
25/8/1875 Il primo settembre inizia l'anno scolastico nel ginnasio statale. Si celebra una Messa. Gli studenti dovranno iscriversi nei giorni precedenti presentandosi con il padre o un suo rappresentante. Dovranno produrre per il primo anno un certificato di battesimo, e per gli anni successivi la pagella dell'anno precedente.
15/9/1875 Grande mostra regionale a Trento (agricoltura e allevamento del bestiame)
Ma il servizio ferroviario è carente. Nessuno sconto sui biglietti andata-ritorno da Bolzano. Centinaia di passeggeri restano a terra a San Michele all'Adige perché i vagoni sono strapieni.
In 200 partono da Rovereto, con donne e bambini, per emigrare in Brasile. Hanno soldi solo fino a Verona; da lì il costo del viaggio sarà sostenuto "dalla loro futura patria".
18/9/1875 In corte d'Assise appare Jakob Moser, di Postal, accusato di omicidio. Aveva affrontato due braccianti che gli avrebbero rubato delle ciliegie. Alle rimostranze dei due, ne aveva accoltellato uno, che dopo cinque giorni sarebbe morto. Accusato di omicidio, è stato condannato a tre mesi di carcere duro per eccesso in legittima difesa.
22/9/1875 Si annuncia nel salone del palazzo mercantile un concerto del "virtuoso del violino" Richard Sahla.
Su un isolotto dell'Isarco s'è trovata la salma della moglie di un operaio italiano. Si teme trattarsi di un delitto. Sono stati arrestati tre uomini, tra i quali lo stesso marito della defunta. Del fatto nei giorni seguenti non si farà cenno.
Corte d'Assise: omicidio conseguente ad una rissa seguita ad una partita a carte tra ubriachi. Il 6 giugno ad Elvas di Bressanone Josef Fischnaller aveva accoltellato Mathias Letzner, uccidendolo. Il Fischnaller è stato condannato a 5 anni di carcere duro ed al pagamento alla vedova di 325 gulden.
Attenzione ai vandalismi dovuti ai turisti. Un abitante di Innsbruck è stato riconosciuto colpevole di essersi portato via la testa di un personaggio raffigurato sulla parete di un'antica rovina a Hocheppan (Appiano).
25/9/1875 Corte d'Assise. Sul banco degli imputati un giocatore - Jakob Paller di Lagundo - che aveva perso forti somme giocando al lotto. Il denaro era distratto dai conti di suoi clienti e conoscenti, che pretendono la restituzione di ben 18.771 fiorini. Viene condannato a tre anni di carcere duro.
29/9/1875 Al mercato del bestiame sono stati presentati 1.812 + 707 animali di grossa e piccola taglia.
Per il 3 ottobre è annunciata a Chiusa una festa dedicata a Leutoldo di Sabiona. I convenuti saliranno in corteo al castello di Sabiona dove questo conterraneo ed amico di Walther von der Vogelweide (ipotesi fantasiosa, ndr) era nato. Gli sarà edicata una targa.
A Merano in castel Rottenstein soggiornano Sua Altezza l'Arciduca Karl Ludwig con i suoi figli Franz e Otto, nonché S.M. la regina vedova di Sassonia.
2/10/1875 Una corrispondenza da Ponte Nova. "Temevamo prima o dopo di essere inglobati nel Trentino, ma ora ci giungono testi scolastici dai quali apprendiamo che la Boemia, Vienna ed il Tirolo si trovano sulla carta geografica della Germania. Questo materiale viene dalla Prussia. Deve forse la nostra gioventù austriaca imparare che Vienne si trova in Germania?"
6/10/1875 Altre centinaia di persone hanno lasciato il Trentino (Mattarello, Vigolo ecc.) per emigrare in Brasile.
9/10/1875 Il giorno 10 di recita il "Trovatore", melodramma in quattro anni, musica di Giuseppe Verdi.
Ad Auna di Sotto si sono distribuite 108 medaglie al valore ad altrettanti veterani delle campagne del 1848, 1859 e 1866, contro i piemontesi ed i loro alleati.
13/10/1875 Vittoria clericale in Tirolo per l'elezione di un deputato al parlamento di Vienna. Si è votato nei circondari di Bressanone, Vipiteno, Chiusa, Caldato, Termeno, Brunico, San Candido e Lienz. Il candidato conservatore (clericale) von Zallinger ha ottenuto 455 voti, quello liberale 237. "Le istanze del liberalismo attraggono nel Tirolo solo una borghesia miope e cittadini simili ai filistei, leggeri nei costumi".
Il Kaiser tedesco si recherà in visita in Italia. Contrariamente a quanto annunciato non pernotterà col suo numeroso seguito a Bolzano, ma a Trento.
16/10/1875 Muore a Trento all'età di 62 anni il fonditore di campane Bartolomeo Chiappani. Le sue campane sono diffuse in tutto il Tirolo.









Il disegno di una campana di Chiappani (Trento) fusa per la chiesa di Gries.

20/10/1875 Per l'indomani è annunciata in teatro la "Lucrezia Borgia" di Donizetti (ma il giornale si dimentica di citare l'autore).
Come già sul Renon, in tanti altri comuni si sono distribuite decorazioni ai veterani delle precedenti guerre contro i piemontesi e i loro alleati.
27/10/1875 Il Kaiser tedesco sabato scorso col suo treno in viaggio verso Berlino s'è fermato alle 20,20 alla stazione di Bolzano, decorata e illuminata per l'occasione. Vi è stato accolto dall'arciduca Enrico in nome del Kaiser austriaco. Dalla stazione si è portato all'hotel Vittoria, imbandierata con un gigantesco vessillo germanico.
30/10/1875 A teatro si canta "Fra Diavolo", "opera comica in tre atti di Auber". Nei giorni a seguire riprenderanno i lavori in prosa.
3/11/1875 Concerto di musica classica ad iniziativa del "Musikverein" nella casa dell'apprendista (in via Cappuccini).
17/11/1875 Il "Fremdenblatt" di Vienna pubblica un curioso articolo sul viaggio verso Roma del Kaiser tedesco, visto sotto il profilo delle spese sostenute in Tirolo. Al gestore del ristorante della stazione a Kufstein era giunta da Berlino per la colazione un'ordinazione del prezzo di 2,50 fiorini per ogni persona componente il seguito più vicino al Kaiser, un fiorino per gli impiegati, e 60 corone per il personale di servizio del convoglio imperiale. Il ristoratore servì pertanto a tutti gli ospiti lo stesso tè, a prezzi diversi. Ad Innsbruck si consumò un pranzo per il quale il ristoratore chiese una somma modesta, 90 fiorini in tutto, al punto che l'ufficiale pagatore conte P. arrotondò l'importo a 100 fiorini tondi. "Ma per colpa di un capriccio della geografia al Tirolo tedesco segue quello italiano, dove il sangue incomincia ad italianizzarsi, e così - dopo aver pernottato a Trento - l'indomani il corteo si vide addebitare un conto di 1.600 fiorini, degno di un italiano solito a spennare i polli. Ma a Bolzano - siamo ora sulla via del ritorno - il corteo reale pernottò dopo vari giorni in un albergo prossimo alla stazione (evidentemente l'hotel "Viktoria") gestito da un "onesto" svevo. E questa volta il conto complessivo salì a 1.800 fiorini. E così il povero conte P., ufficiale pagatore, è ancora lì che si chiede se il Tirolo sia una terra costosa o a buon prezzo.
20/11/1875 Centinaia di persone continuano ad emigrare dal Trentino.
1/12/1875 A Torino è stata stampata una grande carta geografica d'Italia sulla quale il territorio di Trento appare come appartenente all'Italia. Chi ha compilato questa carta è stato comunque assai modesto. Sulla maggioranza di carte precedenti, dell'ultimo decennio, si trova infatti che il confine è al Brennero: Bolzano, Bressanone e Merano sarebbero pertanto città italiane.
4/12/1875 Lungo la strada di San Maurizio è stata trovata la salma di un neonato. La madre ha già due figli, nati illegittimi, ed è pregiudicata per furto.
Un'inserzione: è stato perso un ombrello. Ricompensa a chi lo restituisce.
18/12/1875 Il giorno 12 la Corte d'Assise ha condannato all'impiccagione Angelica Giacomuzzi e Matthias Aussermüller. La Giacomuzzi è stata riconosciuta colpevole d'omicidio nella persona della moglie dell'Aussermüller, e questi è stato condannato per induzione all'omicidio di sua moglie.
22/12/1875 Angelica Giacomuzzi era una bracciante di Lavis, che a 12 anni era fuggita di casa per andarsi a prostituire a Rovereto. Un suo figlio era stato adottato a Salorno dai coniugi Aussermüller, cosa che aveva indotto la madre del piccolo a trasferirsi presso gli Aussermüller come bracciante. Col tempo l'ex-prostituta era diventata l'amante del padron di casa. I due pertanto avevano complottato per togliere di mezzo la Aussermüller, cosa che era avvenuta a colpi d'ascia.
24/12/1875 Altre 476 persone sono emigrate dalla Valsugana in Brasile.

Home Page | Biografia | Contenuto del sito | Cronache del passato | Personaggi 1 | Personaggi 2 | Persone | Gallerie fotografiche | Bibliografia | Fonti fotografiche | I miei libri | Sponsor | Storie di sponsor | Contatti | Privacy Policy | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu