Bolzano scomparsa


Vai ai contenuti

Menu principale:


1883

Cronache del passato > 1880-1884

La fonte delle notizie che seguono è il giornale "Tiroler Volksblatt", che si stampava all'epoca a Bolzano. Si tratta di un giornale di ispirazione cattolica, che è stato stampato e diffuso dal 1862 al 1926.
Nella notte tra il 26 e i 27 agisti esplode nel Pacifico il vulcano Krakatoa.

3/1/1883 La Chiesa annulla il divieto di lettura del giornale laico "Bozner Zeitung", che era stato messo all'indice dieci anni prima. Il "Tiroler Volksblatt" si compiace dell'accaduto, ma fa presente che, anche se il divieto di lettura è stato rimosso, non perciò la "Bozner Zeitung" diventa ora un giornale raccomandabile.
Nelle ore tarde la zona tra la stazione e ponte Loreto è teatro di liti, risse ed intemperanze. Recentemente un giovane si è dovuto rifugiare nel casello della dogana. Nessuna persona per bene può frequentare quella zona.
"La più bella composizione. Giuseppe Verdi ha regalato a Busseto, suo paese natale, un ospedale completo di tutto".
5/1/1883 A sindaco viene confermato a Bolzano il dott. Josef Braitenberg.
Il prof. Defregger, noto pittore tirolese, viene insignito dal re di Baviera dell'ordine della corona e fa così ingresso nella classe degli aristocratici.









Un quadro di Franz von Defregger


10/1/1883 L'abitato di Someda, frazione del comune di Moena, è stato distrutto da un incendio.
Un ferroviere muore nei pressi di Ponte Gardena in conseguenza di un infortunio sul lavoro.
17/1/1883 A Monte San Pietro i bambini escono di scuola. Un bimbo monta su una slitta, un compagno gli lancia contro un pezzo di legno per fermarlo, colpisce però per errore il suo amico e lo uccide.
A Trodena un giovane si reca dalla sua cugina e le chiede un caffè. La donna glielo nega e così i giovanotto - un disadattato - la uccide a coltellate.
7/2/1883 Nei pressi di castel Roncolo è stata trovata la salma di uno sconosciuto di una ventina d'anni. Era stato ospite di un albergo di di Bolzano per alcune notti ed aveva con sé alcuni orologi, due dei quali d'oro. Pochissimo denaro. Sul suo corpo numerose cicatrici. Il giovane aveva in precedenza dichiarato d'essere ufficiale di marina e di essere passato per Alessandria. Le sue iniziali sono G.F.v.u.z.T. Si tratterebbe di suicidio.
14/3/1883 Il suicida di castel Roncolo è stato identificato. Aveva 23 anni ed ultimamente abitava ad Augusta ed era orologiaio.
21/3/1883 Lungo elenco di udienze alla Corte d'Assise. Tra i molti casi di furti, vi sono anche due casi di omicidio. I fratelli Carlo e Giovanni Bernard di Campitello di Fassa sono stati condannati rispettivamente a dieci ed a cinque anni per aver concorso nella morte di Emanuele Fontanive. Il 48enne Josef Monthaler da Valdaora è stato condannato a tre anni e mezzo per aver ucciso nel corso di una lite con un corpo contundente il servo agricolo Paul Unterberger, in un esercizio pubblico di Dobbiaco. Nell'insieme, per i numerosi casi di furti 14 imputati sono stati condannati ad un totale di 46 anni di carcere.
Partendo da Berlino e seguendo la linea del Brennero tra breve si giungerà in 48 ore a Roma e in 50 a Napoli, 12 ore in meno rispetto alla linea del Gottardo. Giornalmente i treni tra Berlino e Roma sono tre.
In un locale pubblico di Lana scoppia una lite tra avventori. Uno muore per una coltellata, un altro subisce una ferita grave, la polizia, avvertita arriverà "anche se è già passata la mezzanotte".
11/4/1883 Il giornalista E.Fogolari, responsabile del fogli domenicale "Il Raccoglitore" di Rovereto sarà giudicato dal tribunale regionale di Innsbruck. La pubblicazione ulteriore del periodico è stata vietata.
14/4/1883 E' arrivata a Bolzano in treno la regina di Sassonia Carola, che ha proseguito il viaggio alla volta di Merano.









La regina Carola di Sassonia (1828/1902)

25/4/1883 A Rencio durante lavori di scavo nei ampi sono venuti alla luce più scheletri. Non è chiaro di chi si tratti. Potrebbero essere la conseguenza di una frana o di combattimenti contro i francesi.
La regina di Sassonia Carola, in vacanza a Merano in castel Rametz, si trova talmente suo agio che ha deciso di prolungare la sua vacanza. Essa pertanto diserterà i festeggiamenti previsti a Dresda il 23 aprile per il compleanno del suo consorte Alberto. Costui è giunto in treno a Merano sabato sera, e festeggerà pertanto il suo anniversario a Merano, disertando le manifestazioni programmate a Dresda.
28/4/1883 Venerdì mattina la coppia reale è partita alla volta di Arco. La fiaccolata prevista a Merano in loro onore per lunedì 30, compleanno del re, è stata pertanto annullata. Il giornale depreca la mancata intesa tra enti organizzatori di manifestazioni di questo genere, e l'insorgere di particolarismi in certi circoli di Maia, che pretendono di riservare a sé l'onore di contatti come questi. "Un corpo di trenta vigili del fuoco volontari non è in grado di reggere gli omaggi dovuti ad una coppia reale, e i due regnanti si saranno sentiti indubbiamente a disagio quando hanno appreso di questi separatismi (tra enti di Maia e di Merano). Se i rappresentanti degli enti di Maia e di Merano si fossero accordati per una manifestazione unitaria, questa avrebbe potuto aver luogo e la cosa si sarebbe risaputa in Sassonia, producendo ricadute positive nei confronti dell'affluenza dei turisti sassoni".
Si segnala la presenza di un orso nei boschi di Resia.
2/5/1883 "Una banda di una ventina di zingari ha fatto nell'ultima settimana visite per niente gradite nelle nostre case. Si è dedicata al commercio di cavalli, all'accattonaggio e alla lettura delle mani".
E' in atto un'invasione di maggiolini. Il comune di Gries paga sei corone per ogni chilo di maggiolini vivi".
9/5/1883 Migliaia di persone sono convenute a Merano per l'inaugurazione del uovo poligono di tiro, 2000 solo da Bolzano, il treno Bolzano-Merano è stato preso d'assalto. Al corteo hanno preso parte sette bande musicali, 26 bandiere, 30 cavalieri e 2000 Schützen. La sfilata è durata tre ore. Il discorso inaugurale è stato tenuto dal duca di Braganza.
12/5/1883 Un operaio impegnato nella frantumazione di rocce sul Virgolo, precipita e muore. Si chiama di cognome Rommel, ed è di Kempten, dove ora risiedono i discendenti di Erwin Rommel, la "volpe del deserto".
23/5/1883 Fiamme in un fienile a Pianizza di Sopra; sono state appiccate da un bambino di 7 anni che giocava con i fiammiferi. Sono state spente grazie all'assenza di vento e per l'intercessione di San Floriano, il patrono della frazione.
A Chiusa un 12enne che pesca legname dall'Isarco vi cade ed annega.
6/6/1883 A Cardano, in riva all'Isarco, s'è trovato il cappello, il bastone e il portafogli di un uomo che - in un biglietto - si scusava con i genitori per il suo suicidio. Il corpo non è stato trovato. Si pensa ad una messinscena. Il supposto suicida si sarebbe dovuto presentare in giudizio nei giorni prossimi per un'accusa concernente la sfera sessuale. Si pensa che abbia simulato il suicidio per fuggire altrove. Forse in Italia.
9/6/1883 A Collalbo è stato aperto un imperialregio ufficio telegrafico.
16/6/1883 E' ora di dare un taglio all'abitudine di bagnarsi liberamente nel Talvera in prossimità delle passeggiate.
20/6/883 Si sono tenuti gli esami di maturità al liceo statale. In quattro li hanno superati con lode, in otto sono stati dichiarati comunque maturi, uno si dovrà ripresentare dopo le vacanze.
Il pittore Diodato Massimo ha dipinto il ritratto della baronessa von Waideck. E' talmente ben riuscito che il consorte arciduca Enrico ha deciso di farsi ritrarre a sua volta.









La baronessa Leopoldine von Waideck


Corte d'Assise. Tra le cause discusse, quella a carico di una serva accusata di infanticidio, che è stata condannata a tre anni. Se l'è cavata a buon mercato il suo seduttore, che si è volatilizzato.
27/6/1883 Per il primo di luglio l'associazione degli artigiani organizza l'abituale pellegrinaggio al santuario di Pietralba, che sarà raggiunto partendo a piedi a Bolzano.
4/7/1883 La regina di Sassonia sta soggiornando ai bagni di Brennero. Il tempo si mantiene ottimo e così la regina ha deciso di prolungare il suo periodo di cure.
Da un anno è attiva a Bolzano una scuola di canto per ragazzi di 8-13 anni, che sostituisce un precedente istituto musicale ("die Singknaben") poi disciolto. Il rinnovato coro, affidato al maestro Anzoletti, si sta dimostrando utile per impegni liturgici e in vista dell'avvio alla musica dei giovanissimi coristi.
22/8/1883 Un nubifragio ha fatto cadere alcuni alberi lungo la linea ferroviaria nei pressi di Settequerce. Fortunatamente la locomotiva di un treno passeggeri è balzata al di là di un tronco senza deragliare, ed il treno s'è fermato senza danni alle persone.
Alla scuola media dei Francescani le lezioni riprenderanno il primo settembre. Gli interessati debbono far domanda allegando il certificato di battesimo e la precedente pagella.
5/9/1883 Grande rilievo in prima pagina per la notizia - incorniciata - che la principessa Stefanie, figlia di Francesco Giuseppe e dell'imperatrice Elisabetta, ha messo al mondo una creatura "che l'onnipotente non ha inteso regalare solo alla coppia dei pretendenti al trono imperiale, ma anche a tutti i popoli dell'impero". Si tratta di una femmina cui compete il titolo di arciduchessa che non ha ancora ufficialmente un nome. Bolzano è imbandierata. Sul Virgolo esplodono mortaretti. Presenti le autorità è stato officiato in duomo un Te Deum, durante il rito il locale battaglione dei Landesschützen è rimasto schierato in piazza Walther. A rito terminato i soldati sono marciati al suono della banda dei pompieri.
15/9/1883 A Vadena è scomparsa una bambina di 14 anni. E' stata vista l'ultima volta mentre lavava i panni nell'Adige. Forse è caduta nel fiume.
19/9/1883 La ragazzina di Vadena è tornata a casa. S'era voluto riservare un viaggetto.
Ogni mercoledì o domenica una diligenza partirà alle 17 da Caldaro per raggiungere la Mendola, da dove ripartirà, per tornare, alle 16. Tariffa: fiorini 1,30 per chi viaggia all'esterno, 1 fiorino per chi viaggia all'interno.
10/10/1883 Via Grappoli è stata allungata ed ora è illuminata a gas.
27/10/1883 Si è costituita l'associazione turistica Bolzano-Gries, che ha tenuto un'assemblea all'hotel Kräutner, in piazza del Grano. Sono convenuti 100 soci. Si è discusso della costruzione di una casa di ritrovo per i turisti ("Kurhaus"). S'è deciso di incominciare con la costruzione di un salone d'incontro per villeggianti, della quale si occuperà l'impresario Irschara. I lavori inizieranno il prossimo lunedì. "I soci - a quanto apprendiamo - sono 200".
Un articolo fa pubblicità ad un esercizio di via della Rena, si proprietà di un certo Runggaldier, che vende croci cimiteriali in ferro. Si sottolinea il valore artistico di queste croci, che oltretutto durano a lungo. Nel cimitero di Bolzano ci sono croci vecchie di 150 anni, ancora in buono stato.
A Merano i villeggianti (lista n° 15) sono 1992, e cioè 243 di meno rispetto al 1881. Si spera in una ripresa durante la stagione invernale. Il giornale pubblica un elenco delle personalità più in vista, tra le quali l'arciduca Allecon col principe Emanuele e la famiglia degli Hohenzollern. Con un treno speciale si sono annunciati per l'indomani i conti Magnis di Graz con seguito.
Si annuncia che il 19 novembre, onomastico dell'imperatrice Elisabetta, si inaugurerà a Merano l'hotel Asburgo (Habsburgerhof), che dispone di 80 camere. Il direttore, che ha amministrato grandi alberghi in Svizzera, ha uno stipendio di 200 fiorini. "Come vedete, ci avviciniamo sempre di più ad una città di caratura mondiale. Il proprietario è Josef Fuchs, un imprenditore come se ne trovano solo in grandi città".
Ha riaperto i battenti il museo. Ci sono apprezzabili novità.
A Terzolas un incendio ha distrutto 32 case. 51 famiglie sono senza un tetto. La colpa sarebbe da ascrivere ad un bimbo di sette anni.
31/10/1883 Il Musikverein ha ripreso la sua attività dopo le ferie estive. Pubblico folto. Numerosi brani sono stati eseguiti per la prima volta .In programma Hayd, Mendelsson, Schubert, Hummel, Schumann e Markschner.
3/11/1883 La fondazione "Mozart" di Francoforte ha devoluto la somma di 1.800 marchi a Ludwig Thuille, che studia al conservatorio di Monaco. Compositore bolzanino, Thuille avrebbe avuto negli anni un buon successo.
7/11/1883 La moglie del portiere della stazione intraprende una passeggiata con i suoi tre figli lungo la strada del Virgolo. Dall'alto cade un sasso, staccatosi da un rudere, che la investe. Muore.
14/11/1883 Il Cafè Merano è passato nella proprietà del signor Rössler, probabilmente un protestante. Come primo risultato, due giornali cattolici, assenti dall'esercizio in precedenza (quando il caffè era gestito da un cattolico) appaiono oggi tra i tavoli a disposizione degli avventori.
17/11/1883 Lunga descrizione di un nuovo grande albergo a Gries, mentre già iniziano i lavori per la costruzione del Kurhaus (oggi istituto delle Marcelline). Il nuovo albergo, che è sorto accanto alla pensione Austria, dispone anche di un secondo edificio attiguo, destinato a pensione, ed è proprietà - con la pensione Austria - del signor Kölle, che ha pertanto riconvertito la villa Aufschnaider. L'edificio è stupendo, unico il giardino d'inverno, una lunga ed alta galleria di alberi di limoni e arance e altre piante del Sud, e sul davanti, fino alla strada, un parco. "Se Gries potesse offrire ai turisti quel che oggi offre Merano, in breve tempo potrebbe superare la città sorella, dato che Gries già da tempo è conosciuta ovunque come l'insediamento tedesco dl clima più dolce durante il periodo invernale.









A sinistra Villa Aufschnaiter, trasformata nell'hotel Grieserhof, sul finire dell'Ottocento

Ma dovrebbero starne lontano gli ebrei polacchi, con i loro caffetani e con i riccioletti che scendono dalle tempie, e con i loro vestiti assolutamente non puliti; (ebrei polacchi) che anche quest'anno si fanno vedere numerosi a Merano. Gente che con la sua presenza è in grado di gettare discredito in breve tempo su un luogo di cura e villeggiatura tenendone lontani gli ospiti di riguardo".
Sulla piazza del mercato di Bolzano, oggi piazza Verdi, "gran spettacolo" (in italiano nel testo) del circo Salvini, con scimmie, cavalli, nani. Grande folla.
21/11/1883 La cronaca di un processo si limita a queste poche righe: "Dei turchi, per l'esattezza cittadini turchi, perché si è trattato di ebrei, che giovedì sono stati processati, uno è stato condannato a 15 anni, due a 13 mesi di carcere duro, mentre il loro servitore è stato assolto. Nel corso dell'udienza s'è parlato tedesco, spagnolo e italiano". Tutto qui!
24/11/1883 A proposito della clientela turistica ebrea a Merano, nella cronaca meranese del Tiroler Volksblatt si legge di un futuro di successo per la stazione turistica di Gries, nella auspicata assenza di villeggianti ebrei. Ma l'articolista fa presente che questa è una visione assai limitata: tutte le rinomate località di soggiorno e cura (Karlsbad, Marienbad, Ischl, Wilsbaden, Baden-Baden, Nizza, Cannes ecc. sono frequentate da ospiti ebrei. "Questi luoghi di cura di rinomanza mondiale non possono che ridere di queste espettorazioni meschine da parte di località di cura recenti". Intanto il Tiroler Volksblatt si compiace del suo antisemitismo riferendo che si è costituita una "Alliance Israelite", un'unione sovrannazionale di ebrei, che si è alleata ai luterani. E riferisce inoltre che in Galizia (Polonia) una giovane è stata sgozzata da tre ebrei, perché aveva abbandonato l'ebraismo convertendosi al cristianesimo.
28/11/1883 Numerose serate e spettacoli in locali chiusi o al mercato del bestiame, oggi piazza Verdi. Mostra di statue di cera (esito scarso) e un circo di scimmie e di altri animali. C'è anche un carosello di barche a vela su terraferma.
1/12/1883 Un cervo si aggira sul Renon. Forse proviene da oltre Brennero.
12/12/1883 Tra le varie udienze in Corte d'Assise figura quella relativa a una donna del Renon, madre di tre figli illegittimi, che ha soppresso il terzo. E' stata condannata a 2 anni, pena aggravata da periodi di digiuno.
Una servetta della val d Non era stata condanna a nove mesi per aver sottratto il portafogli con oltre 100 fiorini al suo datore di lavoro. Costui ha successivamente trovato il "maltolto", e si è presentato alla magistratura per ritirare l'accusa. La ragazza, detenuta a Schwaz, è stata così rilasciata, ma nel frattempo aveva scontato ingiustamente cinque mesi di carcere, che non le saranno comunque rifusi.
15/12/1883 Uno sconosciuto versa al giornale un gulden, da devolvere alla servetta ingiustamente condannata. Il giornale invita ad altre donazioni.
Corte d'Assise. Si processa l'operaio Luigi Montibeller da Roncegno, che ad una festa a Monteneve aveva ucciso con una coltellata il minatore Johann Andres, che aveva preso le difese di una ragazza, aggredita dal Montibeller. L'imputato si è difeso adducendo a sua scusa il fatto di essere stato ubriaco. E' stato condannato a 10 mesi di carcere duro.
Un vagabondo, pregiudicato come incendiario ed altro, è stato condannato all'ergastolo per aver appiccato il fuoco - da ultimo - ad una casa con annesso fienile a Maia Bassa.
16 case sono distrutte da un incendio a Segonzano. Le cause? Due bambini che giocavano col fuoco.
19/12/1883 In una corrispondenza da Montassilone (Tesselberg) si tratteggiano le diverse condizioni di vita di un prete inserito in un ordine religioso e quelle di un prete di campagna. Mentre il primo vive tranquillo nella sua comunità, che gli offre da vivere senza preoccupazioni, il secondo deve provvedere a "predicare, confessare, assistere i malati, insegnare a scuola, fare da segretario in comune, impegnarsi come impiegato dello Stato per l'espletamento della corrispondenza". L'articolista che scrive da Montassilone è evidentemente un prete di campagna. Aggiunge tra l'altro: "Ad esempio, io ogni settimana debbo dedicare 26 ore all'insegnamento, cosa non del tutto piacevole, in questa nuova era scolastica, e per questo ottengo uno stipendio in confronto del quale un impiegato del livello più basso può dirsi retribuito brillantemente. E quando non si è più in grado di ottemperare al proprio servizio, allora ci aspetta una pensione da fame".
La zona è battuta da mendicanti che vengono dall'Italia. "Per tre giorni si sono qui aggirati qui degli zingari, accompagnati da sei grossi ani. Questi non hanno chiesto l'elemosina, ma hanno preteso Speck, galline e altri buoni prodotti alimentari. In cambio offrivano 'resine del Monte Calvario' e 'radicette di Maria Zell', che spacciavano come mezzi curativi per ogni genere di malattie di animali e cristiani".
29/12/1883 Grande folla al secondo concerto del Musikverein, che è stato aperto dalla 2a sinfonia di Beethoven.
Il principe ereditario al trono di Berlino è stato accolto festosamente a Bolzano ove era di passaggio. Vigili del fuoco e coro del Männergesangverein gli hanno fatto ala fino all'hotel Victoria (bastava attraversare il piazzale della stazione). Poi cori e serenate.

Home Page | Biografia | Contenuto del sito | Cronache del passato | Personaggi 1 | Personaggi 2 | Persone | Gallerie fotografiche | Bibliografia | Fonti fotografiche | I miei libri | Sponsor | Storie di sponsor | Contatti | Privacy Policy | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu