Bolzano scomparsa


Vai ai contenuti

Menu principale:


1886

Cronache del passato > 1885-1889

Continuiamo a sfogliare le pagine del "Tiroler Volksblatt", giornale cattolico che esce a Bolzano due volte in settimana. Rimarchevole anche qui inlricorrente antisemitismo del giornale.

2/1/1886 L'ultimo numero del "Tiroler Volksblatt" è stato sequestrato per alcune considerazioni sul ceto impiegatizio dell'impero.
I casi di morte improvvisa sono particolarmente frequenti. Bisogna prepararsi alla morte inattesa (il giornale, cattolico, insiste sull'opportunità di vivere in grazia di Dio).
I furti a Bolzano e dintorni sui fanno sempre più frequenti. Basta con questi zingari, tanto più che anche la gioventù locale ruba a destra e manca.
Nelle sale civiche apre il ristorante.
5/1/1886 A Merano 113 bimbi poveri hanno trovato sotto un grande albero di natale numerosi doni: 32 gonne, 33 pantaloni, 27 cappelli, 2 vestiti, 31 camicie, 24 paia di scarpe, 60 paia di calze, 60 sciarpe, 57 scaldamani, 60 fazzoletti per i bambini e 340 indumenti vari per le bambine. Per i più piccoli ulteriori regali dovuti alla generosa organizzazione della baronessa Elise von Giovannelli.
9/1/1886 Il 6 gennaio s'è inaugurato festosamente il complesso delle sale civiche. Era presente una grande fola, dall'aristocrazia ai semplici borghesi. Ha suonato l'orchestra del Musikverein, discorso del sindaco von Braitenberg, coro maschile, pranzo con numerosi brindisi per cento invitati. Poi concerto serale con 600 presenti. Sono annunciate numerose iniziative carnevalesche.







Le Sale Civiche si trovavano ove oggi sorge il teatro comunale, in piazza Verdi. Trasformate in Circolo Ufficiali (con cinematografo) durante il periodo fascista, furono distrutte dai bombardamenti.

27/1/1886 A S.Maurizio le polizia ha fermato un uomo, di buon aspetto, che portava con sé una rilevante somma di denaro. E' stato associato al carcere (che si trovava in via Bottai). Successivamente è emerso che si trattava di uno svizzero che era fuggito di casa, ma aveva poi deciso di tornare… da sua moglie.
6/2/1886 E' vietato il commercio casa per casa durante la stagione di cura, durante il periodo dal 1° settembre fino al 31 maggio, a Gries-paese e nelle frazioni San Quirino fino a via Fago.
Il duo pianistico formato dalle contesse sorelle Augusta ed Ernesta Ferraris d'Occhieppo dopo i successi all'estero, darà concerto prossimamente a Gries, all'hotel Austria.
Grandi nevicate ovunque (a Milano due metri di neve).
10/2/1886 Il Musikverein ha dato il suo secondo concerto stagionale nelle nuove Sale Civiche. Folla e gran successo.
20/2/1886 "Di recente è venuta dall'Italia, e precisamente dai dintorni di Padova, dove ci sono casi di colera, gente alla ricerca di lavoro. Il comune li ha allontanati. Adesso errano senza lavoro e senza soldi, e non vogliono tornare a casa".
"Dal primo aprile appare a Trento un nuovo giornale politico con la testata L'Alto Adige. Esce tre volte in settimana e sui autodefinisce organo del partito nazionale liberale".
27/2/1886 Sul monte sovrastante Roncegno un'aquila reale, con due metri di apertura alare, reagisce all'aggressione di un ragazzo che l'aveva ferita con una fiondata aggredendolo. Il ragazzo si difende col coltello ed ha partita vinta.
Il falegname 37enne Gianbattista Sorapera lascia Arabba per tornare a casa a piedi, a Campitello di Fassa. Colto da una tormenta sul Pordoi, muore. Lo trovano l'indomani congelato.
3/3/1886 Al mercato di Brunico, per vendere le loro mercanzie di cattiva qualità sono apparsi anche venditori ebrei.
6/3/1886 Grandi blocchi di marmo (fino a 250 piedi cubici) che dalle cave di Lasa e Covelano vengono spediti a Vienna e Londra per edifici monumentali, si spezzano durante il trasporto.
Il duca Carl Theodor di Baviera è giunto con la sua famiglia a Merano. Da buon "samaritano" s'impegnerà anche stavolta come oculista, a titolo gratuito, per i meno abbienti.
13/3/1886 Durante il 1885 i soci dell'Alpenverein di Austria e Germania sono cresciuti da 7.054 a 9.020. Le sezioni da 41 a 66. Nel 1885 sono stati costruiti sei nuovi rifugi. Delle 66 sezioni, 12 si trovano in Tirolo, nei dintorni di Bolzano, Bressanone, Merano e Vipiteno.
20/3/1886 Maria Niedermaier aveva partorito un bimbo che - non essendo sposata - aveva rinchiuso in una scatola e abbandonato davanti al duomo di Bressanone. Il piccolo era morto. La donna è stata condannata a 4 mesi.
24/3/1886 Pranzo con 177 coperti al Curhaus di Merano per festeggiare il 90° compleanno del Kaiser di Germania.
E' in arrivo a Merano la regina Carola di Sassonia, che soggiornerà a castel Trautsmanndorf. La regina ha chiesto che nella cappella dal castello venga celebrata quotidianamente una messa.
27/3/1886 Si annuncia nelle sale civiche il terzo concerto del Musikverein.
31/3/1886 Proseguono gli scavi sul cosiddetto Galgenbüchl (Collina del Patibolo), a Salorno. Si raccogono antichi reperti di vario genere, uno scheletro e anche una moneta d'oro. E' presente il conservatore prof. Wiese, del Ferdinandeum di Innsbruck.
Scontro tra treni merci alla stazione di Fortezza. Deragliamento, nessun ferito.
3/4/1886 Si parla di introdurre a Bolzano l'illuminazione elettrica. "In cinque anni questa è stata adottata in sei città d'Austria e Germania, e costa il 25% in meno dell'illuminazione attuale a gas". Si indice una pubblica assemblea di cittadini per valutare il problema, il sindaco con Braitenberg espone la situazione e le offerte. L'azienda del gas è d'accordo: s'impegnerà per l'erogazione di energia elettrica, ma per un periodo di 15 anni. Si calcola che così il comune potrà risparmiare 29.000 fiorini. Il pubblico segue e partecipa. Si decide di aggiornare la discussione a dopo le elezioni.
Altri rinvenimenti sul Galgenbüchl, presso Salorno. Anche una collana d'oro.
7/4/1886 L'impiegato Weber, addetto alla posta ferroviaria, soffrendo di stomaco assume una radice che è sfuggita ad un collo in transito. Ma si tratta di un prodotto naturale velenoso, e così muore. Era sposato da appena tre settimane.
14/4/1886 Nel duomo si sono tenute per sette giorni le prediche delle missioni, con grande concorso di fedeli. Per la cittadinanza di lingua italiana le prediche sono state tenute dal padre guardiano dei Francescani di Rovereto, Venanzio Covi.
Tra le prossime opere pubbliche di Gries ci sarà il marciapiede in via Fago.
Il giorno 18 inizierà il collegamento regolare con la Mendola, in diligenza. Partenze quotidiane alle 18 di fronte all'hotel Greif.
E' stata confiscata a Trento "La Voce Cattolica", per un articolo sulla critica del barone Malfatti, relativa alla scuola tedesca.
Cento operai lavorano a riparare la strada della val Gardena, danneggiata dalla recente alluvione.
21/4/1886 Sono terminate dopo sei settimane le ferie trascorse a Merano in incognito dalla regina di Sassonia. Nessun incontro ufficiale, ma molte gite.
28/4/1886 "Un infanticidio è stato commesso il giorno 19 a Lana, presso lo Hasenwirt, da una serva che vi lavorava. La donna è ora in carcere. Per il suo seduttore non è prevista alcuna pena terrena".
Un centinaio di operaie saranno assunte all'inizio di maggio nella fabbrica di conserve di Bolzano.
1/5/1886 Ogni tanto il giornale - cattolico - riferisce di conversioni dal credo protestante a quello cattolico. Oggi i casi sono addirittura due.
5/5/1886 "Sabato sera l'arciduchessa Maria Teresa è giunta a Merano con i figli arciduchessa Margaretha e arciduca Otto. L'arciduca Carl Theodor e consorte attesero queste alte personalità in stazione. Apprendo inoltre che l'arciduca Carl Ludwig, lascerà Merano domani, mercoledì".
12/5/1886 Il parlamento ha deciso la costruzione di nuovi edifici postali in varie località, tra cui Bolzano, Trento, Rovereto, Trieste.
Al passo della Mendola è ripresa l'attività edilizia, che impegna un centinaio di operai.
19/5/1886 Incontro tra coristi di Bolzano (Männergesangverein) e Merano (Meraner Verein). I due cori convergono nella sala "Andreas Hofer" per un concerto comune, ma sotto il peso di 90 coristi il palco crolla. Nessun ferito. Il concerto può riprendere.
26/5/1886 Si è riunita la giuria che deve decidere sul progetto da attuare per la statua a Walther. La scelta è caduta sulla proposta di Heinrich Natter (le altre proposte sarebbero più adatte ad un Cesare o a un Lohengrin). Si citano tra gli altri scultori concorrenti: Düll, Wächtler, Kompatscher ("un bolzanino che vive attualmente a Roma"), Klotz e Madeins.
2/6/1886 Raggiunta da una fucilata mentre rincasa a San Paolo Appiano, muore la giovane Elisabeth Pardatscher. "Per i suoi familiari fu di consolazione la circostanza che la giovane poco prima avesse assunto i santi sacramenti, così da potersi affacciare preparata all'eternità".
9/6/1886 L'allevamento del baco da seta a Salorno continua ad essere in recessione.
"Una novità assolutamente lodevole sono le prediche in lingua italiana che vengono tenute la domenica pomeriggio nella chiesa dei Cappuccini di Merano, da parte del reverendo Cornelio Molignoni, già cappellano del defunto principe vescovo DellaBona. La chiesa è ogni volta strapiena, perché qui soggiornano centinaia di lavoratori italiani, in gran parte brave persone e risparmiatrici, che guadagnano lontane da casa, per poter nutrire le loro famiglie, rimaste al loro paese".
A Merano ci sono troppi cani aggressivi. E' stato morso anche un portalettere, che ora non è in grado di attendere al suo incarico. La gente dice che, per risolvere il problema bisogna pazientare fino a che non venga morsa una persona importante. Altri raccomandano di prendere l'iniziativa di spargere bocconi avvelenati.
Alla festa ginnica di Prato Isarco erano presenti 1200 spettatori. Si sono esibiti ginnasti di Bolzano, Bressanone e Chiusa. A sera, fuori pirotecnici.
12/6/1886 A nuovo principe arcivescovo di Trento è stato nominato mons. Valussi.
Omicidio a Salorno. Antonio Zancanella da Spormaggiore, cestaio, s'avvia nottetempo verso Masi di Cavalese insieme al carpentiere Giovanni Molinari da Laghetti. Loro scopo è quello di raggiungere San Floriano per farvi una serenata ad alcune ragazze. Ma così facendo disturbano il vicinato, che reagisce con una sassaiola. Lo Zancanella raggiunge due di costoro, li aggredisce con un coltello e ne uccide uno, Giuseppe Longo. Viene arrestato il giorno successivo. Lo Zancanella sarà condannato a 18 mesi di reclusione (vedi più avanti).

23/6/1886 Su una secca dell'Isarco si arena una salma. Due uomini accorrono per recuperarla, ma Giuseppe Bridi viene trascinato via dalla corrente e muore. La salma era quella di un dipendente dell'impresa edile di Josef Scrinzi.
Infanticida e ladra la 25enne Maria Obkircher (val d'Ultino) è stata condannata a tre anni e mezzo.
26/6/1886 Un incorniciato in prima pagina annuncia che: "Il giorno di San Vigilio, patrono della diocesi di Trento, è un giorno di festa, perché sarà consacrato vescovo ed intronizzato il dott. Eugenio Carlo Valussi, nuovo principe arcivescovo". Si annunciano solenni festeggiamenti.
Si descrive la processione del Corpus Domini, svoltasi a Bolzano.
Si accettano iscrizioni all'istituto della dame inglesi di Merano. Le allieve quest'anno sono state 74. Quasi la metà italiane. Delle allieve tedesche la gran parte sono figlie di stranieri, ospiti villeggianti di Merano.
Nei pressi di Bolzano è stato catturato vivo un raro esemplare di avvoltoio a testa bianca. Larghezza alare di due metri e mezzo. Lo si po' vedere gratis al numero 17 di via Grappoli. E' in vendita.
Si fanno pubblicità con proprie inserzioni varie località di bagni: Rabbi, Froi, Sauerbrunn. S.Isidoro, Cavalcante, Ganda.
3/7/1886 In un lungo articolo si prende posizione contro il "Sonntagsbote" che aveva magnificato i frutti del turismo. Quest'attività è invece nociva alle sane popolazioni delle valli.
7/7/1886 "Merano al momento è una città senza padroni: il sindaco è assente, il titolare del turismo è in viaggio, i villeggianti se ne sono andati, adesso i meranesi sono padroni in casa loro e possono vivere come nel buon tempo antico. Possiamo sederci in maniche di camicia nei ristoranti più eleganti, possiamo fumare sulle passeggiate, possiamo servirci delle panchine. Solo le cartelle della tasse ci ricordano che abitiamo in un luogo di cura".
L'associazione cattolica degli apprendisti indice anche quest'anno un pellegrinaggio a Pietralba. Si parte da Bolzano alle 2,30 di notte, alle 9 messa a Pietralba. Si riparte per il ritorno alle 15,30.
24/7/1886 Nel prossimo autunno si terrà a Bolzano una mostra dei vini. Saranno presenti prodotti del Tirolo italiano, Boemia, Dalmazia, Bassa Austria, Gorizia ecc.
Un operaio impegnato nel restauro di Castel Roncolo è caduto uccidendosi. Non se ne cita il nome.
28/7/1886 Nella chiesa dei Cappuccini una personalità prussiana si è convertita - dopo lunghi studi - al cattolicesimo, "unica religione che consente la redenzione".
4/8/1886 In un articolo si precisano ed elencano le costruzioni che danno lustro a Merano, dagli alberghi alle ville, dalle scuole ai castelli. L'attività edile è intensa.
Si approva l'allargamento del marciapiede lungo la statale che porta da Bolzano a Gries (l'odierna via Diaz).
Ha sostato a Bolzano un treno proveniente dalla Baviera e diretto a Firenze che comprendeva due vagoni di turisti americani, uno per uomini, l'altro per donne.
7/8/1886 E' morta a Nova Ponente la vedova Helene Grott, nata Fäkl, Diciotto giorni prima aveva compiuto 100 anni.
11/8/1886 "A Merano gli ebrei dilagano sempre più, acquistando i migliori terreni edili. A Maia Alta esiste già un vero e proprio quartiere ebraico. Anche proprietari specchiatamente cattolici vendono terreni e rappresentanti di altre fedi, segnatamente ebrei".
14/8/1886 Il Kaiser verrà in al Pusteria in settembre, per le manovre militari. A Brunico per ospitare Francesco Giuseppe e il suo seguito, è stato prenotato l''"Hotel Posta"..
Gli albergatori di Bolzano protestano contro gli spettacoli del circo Anastasini, che richiamano 7/800 persone. Questa nuova massa di gente allontana la consueta clientela.
18/8/1886 Soliti eccessi a Merano questa volta nella sera dell'Ascensione. Rissa per le strade, ed uno dei protagonisti, raggiunto da coltellate, è morto. Un altro ha avuto una gamba fratturata.
Turismo in aumento. La Mendola è affollata ed i pubblici amministratori di Caldaro (competente per territorio) si debbono ora dispiacere per aver lasciato che questa località cadesse in mano ebrea. Frequentati anche Sciliar, Alpe di Siusi e Corno del Renon.
In val Sarentino un contadino viene sospinto nel vuoto da un carico di fieno e muore.
21/8/1886 Pontificale a Bolzano (e non solo) per il compleanno dell'imperatore. Alla truppa nell'occasione viene distribuita all'ora del rancio carne e vino.
28/8/1886 Un boscaiolo di 45 anni è stato colpito e ucciso in val Sarentino dalla caduta di un albero.







Pubblicità di un water-closet di nuova concezione, che nella stagione calda evita le malattie dovute ai miasmi che si espandono nei gabinetti di decenza, ed evita inoltre d'inverno il raffreddamento degli arti inferiori dovuti all'esposizione delle correnti d'aria.


7/9/1886 Omicidio e rapina nei pressi di Brunico, nei confronti di un addetto delle poste. La notizia appare approssimativa, confusa e incompleta. La futura vittima fu accompagnata da uno sconosciuto verso San Lorenzo in Sebato. Nei pressi della fermata (?) fu aggredita e uccisa e lì sepolta. Si appura che al morto sono state sottratte le chiavi dell'ufficio postale di Brunico, dal quale è stata sottratta una somma notevole. Si apprende che la polizia ha arrestato un addetto alle poste di Fortezza, che si trovava in compagnia di una donna ed inoltre un 14enne che avrebbe scavato la fossa nella quale è stato gettato il corpo dell'ucciso. Secondo la "Bozner Zeitung" sono stati sottratti e esportati tre plichi contenenti ciascuno 1.400 fiorini. Il principale responsabile sarebbe tale Pokorni, che avrebbe confessato. L'ucciso avrebbe 20 anni e si chiamerebbe Steiner. Nel episodio sarebbero coinvolte nove persone.
NB: La condanna dei responsabili figura più avanti, alla data del 15/12/1886.
18/9/1886 Domenica prossima avrà luogo a Bolzano una mostra di frutta ed attrezzi agricoli. Gli espositori saranno 40. Saranno esposte 300 qualità di vini del Tirolo tedesco. Il Tirolo italiano esporrà 140 sorti di vino, attraverso 35 espositori. Saranno presenti anche vini provenienti da Ist4ria, Stiria, Austria inferiore, Boemia e Moravia. Trieste e Gorizia saranno presenti con propri stand. Gli espositori di attrezzi saranno 76. La mostra sarà allestita nella zona dell'officina del gas, al termine dell'odierna via Alto Adige.

A Vipiteno un alcolizzato solito a dormire nel fienile del signor Stöller cade lungo una scala e muore.
15/9/1886 Festa dei pompieri a Bolzano. Sono presenti in 1.400 e provengono da tutto il Tirolo. Nove le bande musicali, mortaretti, migliaia di spettatori, esercizi all'aperto, fiaccolate. Il giornale si lamenta del fatto che non si sia officiato alcun rito religioso.
22/9/1886 In prima pagina: "Sua Maestà il Kaiser in Tirolo". L'articolo inizia così: "La visita di S.M., il Kaiser ha portato in tutta la valle ad una eccitazione diffusa, facilmente percepibile. Già due giorni fa giunsero i primi segnali con l'arrivo di reparti della guardia del corpo, servitù, carrozze di corte e cavalli. Si è sparso da allora per tutta la valle (Pusteria) un entusiasmo diffuso, da Lienz a Brunico, dappertutto sventolano bandiere, ci sono corone, ghirlande e rami d'abete, neanche il più piccolo paese s'è voluto tirare indietro (…)". Una pagina abbondante per descrivere e motivare le manifestazioni programmate a dimostrazione "dell'ardente amore e fedeltà per il nostro amatissimo monarca".
Per il prossimo anno scolastico il ginnasio privato dei Francescani ospiterà 242 studenti, quello statale ne conterà 138.
Il colera dilaga in Italia "soprattutto nelle numerose località povere e sporche di questo paese".
25/9/1886 Francesco Giuseppe domenica 20 ha inaugurato a Monguelfo il monumento a ricordo dell'inondazione del 1882.
NB: Tralasceremo l'elenco dei successivi impegni del Kaiser, perché distanti da Bolzano e troppo numerosi.
6/10/1886 Reclute e soldati sono venuti più volte alle mani a Bolzano. Una recluta è stata ferita alla testa. A sera pattuglie di militari percorrono la città. E' stato operato un fermo.
13/10/1886 Grandi feste a Merano per i cinquanta anni del "centro di cura", e relativo corteo.
A Merano su apre il "Cafè de Paris".
Il giornale scrive di insolenza ebrea a proposito di un avventore del caffè Kusseth, tale Blum, che avrebbe colpito con schiaffi e calci una giovane addetta alle pulizie.
16/10/1886 L'avventore Blum di Trento, che aveva picchiato una giovane addetta alle pulizia nel caffè Kusseth, viene condannato al pagamento di 100 fiorini.
Il giornale stampa gli orari ferroviari del Tirolo.
20/10/1886 In una caserma di Maia Bassa un calzolaio, che vi abita (Giuseppe Coradazzi), uccide con una coltellata sua moglie, e se ne va all'osteria, dove viene arrestato. La donna aveva tre figli.
A Trento ai funerali del consigliere comunale Giuseppe Santoni hanno tenuto discorsi funebri cinque personalità, tra le quali il sindaco. Hanno esaltato il defunto, la sua figura di martire irredentista. Il giornale "Alto Adige", che ha riportato il contenuto dei discorsi, è stato sequestrato.
13/11/1886 Mademoiselle Tardieu de Lyon, istitutrice patentata, impartisce lezioni e ripetizioni di francese a Bolzano, nella Hintergasse 6.
E' giunto a Bolzano il circo Berg. Il pomeriggio alle 18 lo spettacolo principale. Miss Bora entrerà nella gabbia dei leoni. Presenterà anche un eccezionale elefante. La domenica gli spettacoli sono tre.
17/11/1886 In seguito alle inondazioni di due anni fa 150 famiglie del Sudtirolo dovettero lasciare le loro povere case e trasferirsi in Bosnia, dove hanno trascorso un inverno spaventoso. Don Josef Gabl, loro curatore d'anime provvisorio a Maglay, invita ad inviare indumenti usati, perché si sta avvicinando un altro inverno rigido.
1/12/1868 Nei pressi di Tubre è stato ucciso un orso, che si aggirava da tempo nella zona dell'Ortles.
Ad Appiano un giovane 18enne in caccia di uccelli ha avuto una mano amputata per l'esplosione del suo fucile.
Un sedicenne datosi alla fuga a Lagundo mentre cacciava di frodo, nel saltare un muretto ha fatto partire un colpo dal suo fucile. Poco dopo è morto.
4/12/1868 Dalle parrocchie di Lomaso, Bleggio e Banale sono emigrati dal 1870 al 1885 ben 716 persone, 169 verso il Nordamerica, 547 verso l'America meridionale. Novanta sono poi tornate nel Trentino.
11/12/1886 All'età di 91 anni è deceduto Joachim Unterplatzer. Nato a Corvara "in Ladinia" è poi migrato in Gardena. Nella sua vita ha prodotto una grande quantità di statue e statuette, ispirandosi allo stile gotico. Ha dato una notevole spinta alla produzione statuaria gardenese.
22/12/1886 Nel centenario della nascita del compositore Karl Maria von Weber s'è tenuta nelle Sale Civiche un'affollata manifestazione. Ampio il programma. Qualche riserva sull'acustica della sala.
Condannato a morte per impiccagione il 29enne Carlo Zenonian (val di Non) che aveva ucciso per rapina nello scorso marzo nei pressi di Chiusa un certo Augusto Fattor, ugualmente noneso.
Si è discusso anche il caso del dipendente postale Steiner, ucciso nei pressi di Brunico il 3 settembre precedente da Anton Pokorni a colpi d'ascia, complice il 37enne Leopold Knoll (vedi cronaca del 7 settembre). Allo Steiner vennero sottratte le chiavi dell'ufficio postale di Brunico, dove era custodita una cospicua somma di denaro. Il Pokorni viene condannato all'impiccagione. Il Knoll a 4 anni di carcere (vedi "Tiroler Volksblatt" del 24/12/1886).
Tentata rapina nei pressi di Castel Firmiano, dove il mezzadro A.F. è stato aggredito da un "italiano". L'uomo ha invocato aiuto, i suoi figli lo hanno sentito ed hanno liberato un cane che è intervenuto costringendo l'aggressore alla fuga. E' riuscito a portare con sé solo … il cappello dell'aggredito.
29/12/1886 Intense nevicate in val Passiria hanno provocato il distacco di numerose slavine. Una di queste ha trascinato a valle una mezza stanza con un bambino di due anni. La madre che si trovava nell'altra metà del locale è sopravvissuta.

Home Page | Biografia | Contenuto del sito | Cronache del passato | Personaggi 1 | Personaggi 2 | Persone | Gallerie fotografiche | Bibliografia | Fonti fotografiche | I miei libri | Sponsor | Storie di sponsor | Contatti | Privacy Policy | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu